Moto contro guard rail e albero: donna 26enne muore sulla via Ostiense

By | 6 maggio 2018

Via Ostiense: moto contro guard rail, 26enne muoreUn’altra vittima della strada a Roma. A morire, stamane, è stata una donna di 26 anni che percorreva con la sua moto via Ostiense. La motociclista ha perso il controllo del mezzo nei pressi del Cineland, sul tratto di strada compreso tra la stazione di Ostia Antica e quella di Lido Nord. Lo schianto è avvenuto poco prima delle 11.

Morta sul colpo

Secondo le prime rilevazioni degli agenti della Polizia locale X Mare, la 26enne è finita con la sua Honda Hornet contro un albero e il guard rail ed è morta sul colpo. Una botta forte.

La via Ostiense è stata chiusa per qualche ora per permettere alle forze dell’ordine di effettuare i primi rilevamenti e portare via la salma. Gli agenti stanno cercando di scoprire il motivo per cui la motociclista ha perso il controllo del mezzo a due ruote. Non si esclude che l’evento sia stato dovuto alle pessime condizioni dell’asfalto. Nell’area dove è avvenuto l’incidente ci sono molte asperità e buche.

Via Ostiense: regno degli incidenti stradali

Elena A., 26enne residente nel quartiere Monteverde, ha perso la vita in una domenica di maggio. Ancora una volta via Ostiense è stata teatro di un incidente mortale. Ancora un fine settimana tragico nella Capitale. A febbraio 4 persone avevano perso la vita 4 persone nell’arco di 24 ore per colpa degli incidenti stradali. All’altezza del chilometro 20, ad esempio, una 39enne era stata travolta e uccisa da una Peugeot 206. Era una romena, probabilmente residente nello stanziamento di via Enrico Ortolani.

Via Ostiense è una delle vie più pericolose di Roma, dove ogni anno si registrano tanti incidenti stradali, purtroppo diversi mortali. Ecco le altre vie più insidiose della Capitale: via Tiburtina, via Cassia, via Cristoforo Colombo, via Appia Nuova, via Prenestina, via Casilina, via Salaria, viale Palmiro Togliatti e via Aurelia.

Comportamenti alla guida devono essere responsabili

Sono anni che i cittadini e molti politici lamentano troppi incidenti a Ostia per via delle pessime condizioni del manto stradale. A rimetterci sono specialmente i centauri come la 26enne del quartiere Monteverde.

Disattenzione alla guida e pessime condizioni delle strade sono tra i fattori alla base dei tanti incidenti stradali a Roma. Troppe persone usano il cellulare alla guida e tante ancora non usano le cinture di sicurezza. In base a un recente sondaggio, non le allaccia il 22% degli automobilisti romani.

Le campagne per sensibilizzare automobilisti e centauri sulle corrette abitudini per evitare incidenti non sono mai abbastanza. Bisogna far capire alla gente che anche una minima disattenzione alla guida può costare la vita. Le istituzioni, però, devono anche assicurare agli utenti della strada un manto stradale decente.

Giuseppina Fusco, presidente dell’Automobile Club Roma e della Fondazione Caracciolo, ha detto: ‘I comportamenti alla guida devono essere responsabili per affermare il diritto alla vita di ogni utente della strada’.

In riferimento a un rapporto diffuso l’anno scorso su incidenti e comportamenti erronei alla guida di autoveicoli e motoveicoli, la Fusco ha  dichiarato: ‘Il rapporto evidenzia molte criticità e chiama Istituzioni, forze sociali ed associazioni a un impegno sempre più attivo sul piano culturale attraverso iniziative concrete che aiutino la prevenzione e la formazione. L’Automobile Club Roma sta già intensificando il programma di corsi di educazione stradale nelle scuole della Capitale’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *