Cronaca

Multe notificate da società private annullate per vizio di notifica

Annullate multe notificate da società privateI Comuni italiani dovranno fare maggiore attenzione, in futuro, alla notifica delle cartelle esattoriali, specialmente se avranno intenzione di ricorrere alle società private. Il giudice di Pace di Palermo, infatti, ha annullato 35.000 multe a causa di un vizio di notifica. Quelle cartelle erano state notificate da un centro postale privato. Esultano, dunque, tutti coloro che avevano presentato ricorsi individuali e collettivi, per mezzo dell’Unione dei consumatori, avverso sanzioni amministrative relative ad infrazioni del Codice della Strada.

Comune di Palermo obbligato a pagare anche le spese processuali

Risale allo scorso marzo il primo ricorso collettivo presentato dall’Unione dei consumatori contro la Serit e il Comune di Palermo. Al centro della contestazione c’erano le cartelle esattoriali notificate da una società privata, connotate da vizi di notifica. Il magistrato di Palermo, giorni fa, ha annullato la cartelle ed obbligato il Comune a pagare le spese processuali. Manlio Arnone, presidente dell’Unione dei consumatori, è rimasto soddisfatto della decisione presa dal giudice di Pace: ‘Ha dimostrato (il magistrato, ndr) grande capacità e coraggio nel voler tutelare i diritti dei cittadini grazie all’opposizione all’esecuzione, i canonici termini di opposizione (30 e 60 giorni) non operano e quindi anche cartelle ricevute mesi fa sono ancora opponibili’.

Alla luce di quello che è accaduto a Palermo viene da chiedersi se la notifica di un verbale di contravvenzione da parte di una società privata abbia validità o no. Ci si deve attendere, in soldoni, una ‘valanga’ di ricorsi avverso le sanzioni amministrative? Sembra che i verbali relativi alle violazioni del Codice della Strada, se notificati da società private diverse da Poste Italiane debbano ritenersi inesistenti. Il problema si sta ponendo in diverse città italiane, Palermo e Torino in primis. Alla luce della legge e della recente pronuncia del giudice di Pace si Palermo si può asserire che le multe relative a violazioni del Codice della Strada devono essere notificate solo da Poste Italiane. L’eventuale notifica effettuata da una società privata risulterà nulla. Eventuali verbali notificati da centri postali privati, quindi concorrenti di Poste Italiane, risulteranno nulli e, perciò, impugnabili dinanzi al giudice di Pace.

Solo Poste Italiane può notificare atti giudiziari

Sebbene nel 2011 sia stata introdotta la parziale liberalizzazione dei servizi postali, nell’ordinamento italiano è ancora in vigore una legge del 1999 secondo cui solamente Poste Italiane può notificare atti giudiziari. Insomma, Poste Italiane è ‘fornitore del servizio universale’.

La stessa Cassazione ha più volte sancito che Poste Italiane è l’unica società che può notificare, mediante lo strumento della raccomandata, contravvenzioni, atti giudiziari e sanzioni per violazioni del Codice della Strada. A differenza di Poste Italiane, le altre società postali non hanno lo status di ‘pubblico ufficiale’. Tutto ciò rappresenta, dunque, un grosso problema per i Comuni che hanno già affidato il servizio di notifica delle contravvenzioni a società private.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.