NaturaSì ritira involtini bio: rischio allergie

By | 8 ottobre 2016
loading...

Possono contenere alcuni allergeni non dichiarati. E’questo il motivo per cui NaturaSì ha deciso di ritirare dal commercio un lotto di mini involtini di spinaci e tofu biologici con marchio Soto. Lo scorso 3 ottobre 2016, NaturaSì ha diffuso un comunicato con cui ha voluto mettere in guardia i consumatori riguardo al consumo di un determinato prodotto.

Lotto prodotto in Germania dalla Organic Veggie food GmbH

Un avviso pubblicato sul sito web di NaturaSì sottolinea il ritiro, da parte della nota catena bio, dei Bio mini involtini di spinaci e tofu con marchio Soto. Tale lotto è stato prodotto e confezionato in Germania dalla Organic Veggie food GmbH. Il ritiro è stato disposto perché nell’etichetta del prodotto non è stato menzionato l’allergene sesamo, che è invece potrebbe essere presente nell’alimento. NaturaSì ha quindi esortato tutti gli allergici o intolleranti al sesamo a non mangiare il prodotto. La confezione va subito riconsegnata al venditore per la sostituzione o il rimborso. NaturaSì ha chiesto ai consumatori di riconsegnare le confezioni recanti la scritta ‘ da consumare entro l’11/10/2016′. E’ bene che tutti coloro che hanno acquistato una o più confezioni di involtini bio appartenenti al suddetto lotto provvedano al più presto a riconsegnarli per il rimborso o la sostituzione con un altro prodotto.

NaturaSì sempre impegnata nella scelta dei migliori fornitori

Nel comunicato pubblicato sul sito web di NaturaSì si legge che l’azienda è sempre impegnata nella scelta dei migliori fornitori e nel controllo dei prodotti. Tuttavia, secondo NaturaSì, può accadere che qualche prodotto non venga monitorato. La nota catena di supermarket ha anche precisato che, se un prodotto rappresenta una grave rischio per la salute dei consumatori, viene subito ritirato dal commercio e i consumatori ne vengono informati mediante avvisi online e presso i supermercati. NaturaSì ha a cuore la salute dei consumatori e, in presenza anche di un minimo pericolo, ordina il ritiro della merce. Stavolta si rischiano allergie. In sostanza, sull’etichetta di un determinato prodotto non è stata indicata la possibile presenza del sesamo, che è un allergene. Il sesamo, a quanto pare, è finito involontariamente nel prodotto e perciò non ne è stata menzionata la presenza sull’etichetta. NaturaSì spera adesso che la distrazione non causi problemi alla salute di qualche consumatore.

Tante persone allergiche al sesamo

NaturaSì sa bene che in Italia e nel mondo ci sono molte persone allergiche a determinati alimenti, tra cui il sesamo. L’integrazione, anche enogastronomica, con nuove culture, ha favorito l’avvento sulle nostre tavole anche di cibi esotici ed ingredienti che potrebbero causare qualche problema a chi soffre di allergie. Tra gli alimenti più allergizzanti c’è il sesamo, molto usato nella cucina giapponese, coreana e mediorientale. Tale alimento è sempre più usato anche in Europa (ad es. nella preparazione del pane) ma tale utilizzo ha favorito l’incremento di allergie al sesamo.

Secondo i dati diffusi un paio di anni fa dalla European Academy of Allergy and Clinical Immunology, in Italia soffrono di allergie alimentari 3 milioni di persone. Il sesamo ha l’attitudine di far insorgere allergie perché contiene varie molecole allergeniche, come Ses l2 e Betv1. Queste scatenano una reazione allergica dell’organismo. E’ obbligatorio, dunque, per le aziende indicare sulle etichette dei prodotti la presenza, anche minima, delle sostanze potenzialmente allergizzanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *