Neonata morta a Taormina: la denuncia del padre

By | 15 novembre 2016

Si dovrà fare chiarezza sulla morte di una neonata all’ospedale San Vincenzo di Taormina, avvenuta ieri, 14 novembre 2016, in mattinata. Il padre della piccola ha già sporto denuncia e gli agenti del Commissariato di Taormina stanno indagando per scoprire le cause del decesso. La Procura di Messina ha disposto l’esame autoptico sul corpicino di Nicole, una bimba morta troppo presto.

Perché la neonata è morta?

Perché Nicole è morta? I genitori e i parenti della piccola non riescono a darsi pace. Il padre e la madre della neonata, residenti ai Giardini Naxos, non avrebbero mai immaginato di dover affrontare un lutto del genere. Eppure la gravidanza era andata alla grande. Nessun intoppo o dolore. Una gestazione normale. Lo ha ribadito più volte anche il padre di Nicole, che ieri ha sporto denuncia presso il Commissariato di Piazza San Domenico de Guzman. La mamma della neonata, insomma, non aveva mai avuto problemi durante la gravidanza. Si dovrà accertare il motivo della morte, avvenuta nel reparto do Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale San Vincenzo, considerata una struttura sanitaria eccellente, dove si recano moltissimi siciliani. La morte di Nicole è avvenuta alle 7 di ieri. I genitori e i parenti sono caduti in un baratro quando anno appreso la terribile notizia. ‘Perché?’, continuano a ripetersi.

Asp di Messina ha disposto accertamenti interni

Oltre alle indagini della Polizia, anche la Asp di Messina ha disposto accertamenti interni. L’obiettivo è scoprire il motivo della morte della neonata ed eventuali responsabili nello staff di sanitari che doveva farla nascere. I familiari di Nicole sono certi che qualcosa è stato sbagliato dal personale sanitario durante il parto cesareo. I poliziotti hanno già sequestrato le cartelle cliniche per fare luce sulla triste vicenda. La madre di Nicole, 38 anni, e il papà hanno detto anche agli investigatori che la gravidanza era stata assolutamente tranquilla. Non si era registrata nessuna complicazione tale da giustificare l’intervento dei medici.

Una gravidanza normale

Gli esami della donna incinta non avevano fatto presagire nulla di particolare. Tutto nella norma. E allora perché è avvenuta la tragedia? Il travaglio, secondo le prime indiscrezioni, era iniziato domenica scorsa; poi, dopo la rottura delle acque, la 38enne è stata trasportata all’ospedale di Taormina. Invece di un felice evento, però, è avvenuta una tragedia. Da un primo monitoraggio non era emerso nulla che facesse presumere qualcosa di negativo. Verso le 15.30 di domenica scorsa la gestante è stata condotta in sala travaglio ed è stata sempre seguita dal personale sanitario dell’ospedale siciliano. Il battito cardiaco della piccola era nella norma. I problemi sono sopraggiunti ieri mattina, quando i medici hanno notato che il cuore della bimba aveva iniziato a battere lentamente. La donna incinta, allora, è stata subito condotta in sala operatoria per il parto cesareo. Erano le 6. Qualcosa di brutto è successo e, purtroppo, la piccola è morta alle 7.

Sarà l’autopsia a fare luce sulla morte della neonata di Taormina. E’ molto rammaricato il direttore sanitario aziendale, Domenico Sindoni, che ha annunciato l’avvio di indagini interne. L’uomo ha sottolineato che tali accertamenti non potranno sostituirsi a quelli della magistratura ma, comunque, saranno importanti per fare luce sulla triste vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.