Neonata rischia amputazione alluce per pipì del cane

By | 11 agosto 2017

Pipì cane poteva costarle amputazione dell'alluceRecarsi in spiaggia e rilassarsi con i propri amici, familiari e animali domestici non significa non rispettare il prossimo e le regole igieniche. Innanzitutto ci sono spiagge ad hoc per i cani, quindi chi possiede tali animali dovrebbe recarsi in tali luoghi quando intende rilassarsi al mare; inoltre è necessario che cani e gatti non facciano la pipì sugli arenili per ovvie ragioni igieniche. Diciamo questo perché la storia che vi stiamo per narrare è agghiacciante. Una bimba di 18 mesi, Aria McCart ha rischiato l’amputazione dell’alluce per l’urina di un cane. A parlare della vicenda è stata la mamma della neonata, ai microfoni di Metro. L’alluce della piccola, dopo una giornata trascorsa al mare, aveva iniziato a gonfiarsi misteriosamente. La mamma se n’era accorta durante il bagnetto. La bimba, inoltre, era intorpidita ed aveva la febbre alta. Subito la corsa all’ospedale.

Medici hanno eliminato il tessuto infettato

Una volta portata in ospedale, la piccola McCart era stata sottoposta ad esami minuziosi. I medici le avevano diagnosticato una grave infezione provocata da una sostanza chimica irritante, verosimilmente la pipì di un cane. Il personale sanitario non aveva perso tempo e, per scongiurare l’amputazione dell’alluce della neonata, aveva proceduto ad eliminare il tessuto ammorbato. I bimbi piccoli, si sa, hanno la pelle delicata e il contatto con sostanze chimiche corrosive può provocare seri guai. La neonata britannica ha rischiato di perdere l’alluce per colpa dell’urina di un cane, anzi a causa della negligenza di un uomo che aveva permesso al suo animale domestico di fare pipì sulla spiaggia.

Adesso la mamma della bimba invita i proprietari dei cani a fare attenzione ai loro animali domestici quando li portano sui litorali: ‘E’ stato tremendo. Non avevo idea potessero accadere cose simili. Spero che i padroni dei cani prestino più attenzione’. La donna ha rivelato che la figlia aveva giocato molto sulla spiaggia; poi, però, aveva iniziato ad essere sonnolenta; inoltre aveva la febbre e il suo alluce si era gonfiato a dismisura e perdeva pus.

I medici inglesi sono stati abili nell’individuare tempestivamente la causa del rigonfiamento dell’alluce della minore, rimuovendo gran parte della pelle del piede.

Ciabatte per essere sicuri in spiaggia

Amy-Leigh Canavagh, madre di Aria, raccomanda ai bagnanti di indossare le ciabatte sulla spiaggia perché il rischio di infezioni è elevato. A causare infezioni potrebbe essere, oltre alla pipì dei cani, anche quella degli uomini.

La piccola Aria ha vissuto un’esperienza traumatica. Anche adesso, quando qualcuno si avvicina al suo piede, si mette a piangere e urlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *