Cronaca

Niente Halloween a Caccamo: Sindaco Vieta Festeggiamenti

Niente Halloween a CaccamoI festeggiamenti di Halloween sono andati avanti per tutta la notte. Gente mascherata e urlante nelle strade e nei locali di tutt’Italia. C’è chi, però, proprio non tollera Halloween. Uno di questi è il sindaco di Caccamo, un paese in provincia di Palermo, che ha adottato una misura che a molti è sembrata un po’ estrema: ha vietato di camminare nelle strade della città in maschera

 

Il sindaco di Caccamo, Andrea Galbo, ha espresso con un’ordinanza la sua ostilità nei confronti di Halloween, festa tanto amata dai bimbi. L’ordinanza ha disposto non solo il divieto di passeggiare mascherati, ma anche di consumare alcolici dalla serata del 31 ottobre alle 7 del primo di novembre.

Molti abitanti di Caccamo hanno protestato, visto che Halloween è un’occasione per divertirsi un po’, di svagarsi ed accantonare i problemi quotidiani. Niente da fare. Galbo è stato irremovibile: niente maschere e niente consumo di sostanze alcoliche nelle vie e piazze di Caccamo. L’ordinanza contempla anche multe da 25 euro a 500 euro per chi viola le prescrizioni.

“Non ho nulla contro la festa di Halloween. E’ che i ragazzi nel corso della festa hanno provocato danni ai monumenti e alle auto. Tirano uova contro le facciate di importanti monumenti storici e hanno più volte tagliato le ruote delle auto. Non ho nulla contro i festeggiamenti, ma che devono essere svolti in modo civile e rispettoso della collettività. E’ un provvedimento a tutela del Comune e del nostro splendido patrimonio artistico. Purtroppo i giovani nel corso della festa bevono e poi provocano diversi danni. Ho dato ordine ai vigili urbani di sanzionare questi comportamenti che poi paghiamo tutti”, ha spiegato il primo cittadino di Caccamo.

Secondo voi, l’ordinanza del primo cittadino del comune panormita è troppo rigorosa oppure Galbo ha fatto bene, evitando danni a cose o persone, ed ubriachi per le vie del paese?

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.