Nola, tir travolge e uccide due operai Anas

By | 22 aprile 2016

Nola, operai uccisi da tirDrammatico incidente stradale a Nola (Napoli). Un tir ha travolto diversi operai, uccidendone due. Pare che l’autista non sia riuscito a mantenere il controllo del mezzo, uscendo fuori strada

 

loading...

 

La funesta notizia è stata diffusa dall’Anas, confermando la morte dei due operai sulla statale 7 bis. Altri due operai sono rimasti feriti: uno è in condizioni disperate. Le vittime sono state sbalzate in un burrone dal tir. Secondo le ultime informazioni, i dipendenti di un’azienda stavano pulendo alcuni canaletti per conto di Anas. Il drammatico episodio è avvenuto verso le 11, nei pressi del km 43,150 in direzione Napoli. L’incidente ha provocato forti rallentamenti. Gli automobilisti che si trovano in zona sono costretti a prendere l’uscita Cis di Nola. Purtroppo non è la prima volta che in Italia si verifica un episodio del genere. Molti operai Anas, negli ultimi anni, hanno perso la vita dopo essere stati investiti da tir ed altri mezzi pesanti. L’anno scorso, ad esempio, sulla Catania-Siracusa un tir ha investito 4 operai: 3 sono morti sul colpo, il quarto invece è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Cannizzaro di Catania. Anche tali operai stavano eseguendo lavori di manutenzione dell’autostrada per conto di Anas.

Troppi operai dell’Anas e di ditte che lavorano per conto dell’Anas hanno perso la vita negli ultimi anni sulle strade ed autostrade italiane, gettando nello sconforto mogli, figli, parenti e amici. Rischiano molto gli operai quando eseguono lavori di manutenzione delle strade. Ora si dovrà accertare, a Nola, il motivo per cui il tir è uscito fuori strada. I poveri uomini che stavano lavorando sulla strada statale 7 bis non hanno avuto il tempo di schivare il mezzo pesante, è avvenuto tutto all’improvviso. Si è trattato di una tragica fatalità o c’è qualche responsabilità? Sarà compito degli inquirenti accertarlo. Sul posto sono arrivati carabinieri, vigili del fuoco e gli operatori del 118.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *