Cronaca

Se non voti troverai un gay in casa: video omofobo in Russia

video-Russia-omofobia-elezioniVideo palesemente omofobo in Russia. Ecco come, in tale nazione, si cerca di spingere le persone a recarsi alle urne. Il filmato mostra un mondo in cui i gay vengono assegnati alle famiglie ed inizia con due persone, marito e moglie, che si stanno preparando per andare a letto. La moglie dice al marito di aver messo la sveglia perché il giorno dopo deve recarsi a votare. Il marito è interpretato dal noto attore russo Sergei Burunov.

Video shock sui principali social media

La Russia torna a far parlare di sé per l’omofobia. Il filmato shock è stato pubblicato su diversi social media russi ed ha sollevato polemiche. La moglie dice al marito che la mattina seguente bisogna andare a votare. Lui risponde ironicamente che il suo voto non è importante, che sceglieranno qualcuno anche senza di lei. L’uomo, insomma, esorta la moglie a togliere l’allarme. I due poi si addormentano.

A un certo punto, la famiglia sente bussare alla porta. Fuori c’è qualcuno che dice ‘compagno, apri la porta’. L’uomo apre e scopre un generale vicino a due soldati, di cui uno di colore. I tre dicono che sono venuti per arruolarlo nell’esercito. Incredulo, l’uomo afferma che ha 52 anni. Il generale replica subito: ‘Eccellente, l’età della coscrizione è stata portata a 60’. Il filmato ritrae poi il marito che va in cucina e trova un omosessuale con tatuaggi e una maglietta rosa seduto al tavolo. Il gay si cura le unghie. L’uomo è furioso e la moglie gli spiega che, per legge, ogni famiglia deve accogliere un omosessuale finché non trova un partner. ‘Se non troverà nessuno, dovrai stare con lui’, aggiunge la donna.

Era un sogno

L’attore che veste i panni dell’omosessuale afferma, mentre mangia una banana: ‘La legge è la legge’. Il capofamiglia, terrorizzato, corre in bagno. Era tutto un sogno. L’uomo si sveglia e dice alla moglie di andare a votare ‘prima che sia troppo tardi’. Il video ha scioccato molti internauti, che hanno manifestato il loro sdegno anche su Twitter. L’utente @JenLWoodside ha scritto: ‘Questa tattica per convincere i russi a votare è surreale, così come #homophobic e #racist’.

Comitato elettorale russo estraneo al filmato

Non si sa chi ha realizzato il filmato omofobo, condiviso moltissime volte su Facebook, Instagram, YouTube ed altre piattaforme social. Il comitato elettorale della Russia, secondo il Guardian, ha detto di essere estraneo alla sequenza omofoba. Il prossimo 18 marzo 2018 i russi dovranno recarsi alle urne in occasione del primo turno delle elezioni presidenziali. Qualora nessuno centrasse la maggioranza assoluta, sarebbe necessaria una seconda tornata, 3 settimane dopo.

Vladimir Putin, secondo i sondaggi, vincerà anche le prossime presidenziali. In tal caso, per Vladimir sarebbe il secondo mandato consecutivo e il quarto mandato in totale. Il mondo della politica russa ha biasimato il cortometraggio omofobo postato recentemente sui social. Tra i politici più indignati anche Sergey Baburin e la giornalista liberale Ksenia Sobchak.

Omofobia debordante in Russia

In Russia l’omofobia è molto diffusa. Le aggressioni di stampo omofobo sono frequenti. Lo scorso novembre, a Mosca, un uomo aveva gettato acido su alcuni attivisti LGBT. L’aggressione era avvenuta durante un evento promosso da un gruppo LGBT russo. Le forze dell’ordine e gli operatori sanitari avevano assicurato che gli aggrediti non avevano riportato gravi ferite. Mikhail Tumasov, direttore del Russian LGBT Network, aveva precisato che alcuni attivisti erano stati spinti e buttati a terra: ‘Sfortunatamente questi incidenti capitano molto spesso e solitamente dobbiamo mettere a punto diverse opzioni quando organizziamo eventi a carattere LGBT’.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.