Curiosità

Nuova canzone da un capello di Elvis Presley

Nuova canzone da un capello di Elvis PresleyNuova canzone da un capello di Elvis Presley

Lo scienziato Stuart Mitchell è stato scelto dalla nota rivista Rolling Stone per produrre una partitura musicale unica: a quanto pare lo scienziato sarebbe i grado di realizzare una nuova canzone da un capello di Elvis Presley. Stuart MItchell è famoso nel mondo intero per questo suo particolare talento, fondendo scienza e arte è in grado di realizzare una partitura musicale partendo da una sequenza del DNA dei personaggi famosi del mondo della musica.
Il risultato è stato registrato in un breve documentario da Stuart MItchell in persona ed è stato presentato all’ultimo Festival di Cannes .
Lui e suo padre Thomas, insegnante di musica di 82 anni, hanno realizzato che le sculture nella cappella di Rosslyn, presso Edimburgo, sono legate ad alcune note musicali particolari. Il risultato fu la creazione di un brano chiamato dal padre a dal figlio Rosslyn Mottetto.
Così, dopo questo fortunato lavoro, ha deciso di fondare il suo studio specializzato esclusivamente nella produzione musicale, circa 9 anni fa adesso è famoso in tutti il globo.
Stuart ha detto: “Sono stato felice di essere invitato a portare Elvis in vita perché è la più grande star musicale nel mondo ed è ancora amato da milioni di persone”.
Queste le parole di Stuart Mitchell.
“L’edizione di Rolling Stone Sudamericana mi ha incaricato di recarmi in Brasile ed abbiamo lavorato in uno studio lì, utilizzando il codice del DNA da una ciocca di capelli di Elvis Presley offerta dal suo barbiere personale Homer ‘Gill ‘Gilleland. E ‘ stato un momento toccante quando ho ricevuto il codice DNA di Elvis dal laboratorio che aveva eseguito il test. Poi i miei occhi si sono bagnati di lacrime quando ho ascoltato la musica riprodotta dal suo DNA. Ma non si tratta affatto rock and roll. Suona piuttosto come una ninna nanna. La cosa che rende il progetto ancora più speciale per me è che la gente di tutto il mondo sarà in grado di ascoltare e di utilizzare la musica proveniente dal DNA di Elvis gratuitamente. Se è possibile ricavarci del denaro poi sarebbe possibile donarlo alla fondazione creata da Elvis per aiutare i bambini senza tetto”.
Poi ancora spiegando il suo metodo di lavoro. “Il DNA è costituito da aminoacidi, ciascuno dei quali è data una nota musicale.Poiché ogni persona ha un proprio modello unico, una volta che sappiamo il loro corredo genetico, è possibile trasformare quelle note in uno spartito musicale esclusivo tramite l’utilizzo di un software creato appositamente”.
Poi su alcuni brani di autori famosi.
“Quattro anni fa, ho usato una ciocca di capelli di Beethoven per creare la sua ultima canzone , che ho chiamato Immortal Beloved. Ma, tra i compositori classici, l’unica persona che ho voglia di studiare è Mozart, lui è il mio compositore preferito”.
Si dice che in giro esistano ancora frammenti delle sue unghia, chissà magari Stuart Mitchell riuscirà a mettergli le mani addosso e farci ascoltare l’ultimo brano di Mozart.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.