Omeopatia uccide bimbo: genitori vivono col cadavere per un mese

By | 30 novembre 2017

Un bimbo asmatico di 7 anni era stato curato con rimedi omeopatici dai genitori. Il piccolo, purtroppo, è morto. I genitori, sotto shock, hanno vissuto per un mese col cadavere in casa. E’ successo in Spagna l’anno scorso. I genitori della vittima, Bruce e Schrell Hopkins, sono originari di Detroit, negli Usa. Dopo la morte dei bimbo, i due sono stati arrestati per omicidio colposo e poi rilasciati in via provvisoria. Il procuratore Enrique Barata aveva detto che Bruce e Schrell avevano ‘perso il senso della realtà’ dopo la morte del figlio Caleb.

Genitori non si fidavano della medicina tradizionale

Se il piccolo fosse stato sottoposto ai trattamenti standard, forse oggi sarebbe ancora in vita. Bruce Hopkins aveva riferito al giudice di non aver portato il figlio in ospedale perché non credeva alla medicina tradizionale. L’uomo aveva preferito l’omeopatia per curare il figlio asmatico.

Caleb viveva in un appartamento di Girona insieme ai genitori e ai due fratelli più grandi. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato su un letto dalla Polizia. Sul cadavere c’erano tante lenzuola.

Caleb stava bene

Il procuratore Barata aveva detto: ‘Il piccolo stava bene, giocava ed aveva una vita normale. Una mattina però non si sarebbe svegliato. Il padre avrebbe cercato di rianimarlo anche con la respirazione bocca a bocca. Il piccolo però non rispondeva’.

La famiglia Hopkins ha vissuto, per un mese, con il cadavere del bambino in casa. Secondo il procuratore Barata, i genitori non potevano accettare che il figlio fosse morto.

L’avvocato della coppia ha chiesto l’assoluzione

Il pubblico ministero spagnolo ha accertato che la coppia americana non ha problemi di mente. E’ passato un anno ed ora l’accusa chiede per i due genitori  una condanna a 3 anni e 3 mesi di reclusione. Bruce e Schrell si sono sempre difesi dicendo di aver fornito al figlio tutte le cure di cui aveva bisogno, avvicendando i rimedi omeopatici alla cure tradizionali. Per questo motivo, il loro avvocato ha chiesto l’assoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *