Onda assassina travolge e uccide turista sulla Costiera Amalfitana

By | 2 gennaio 2018

Onda Costiera Amalfitana turistaShock sulla Costiera Amalfitana. Una turista veneziana di 55 anni è stata investita ed uccisa da un’onda enorme mentre camminava con altri turisti sul passeggio che collega la Praia con Africana, noto locale notturno. Secondo le prime indiscrezioni, la 55enne ed altre due persone sarebbero finite in mare. La donna era in compagnia di altre tre persone. Il dramma è avvenuto nella parte centrale della passeggiata. Quando l’onda ha scaraventato in mare la 55enne ed altre due persone, la quarta rimasta sul passeggio si è tuffata in mare per salvarli.

Due persone in gravissime condizioni

Giornata triste a Praiano, sulla Costiera Amalfitana. Una gigantesca onda ha ucciso. Una morte inaspettata in uno dei punti più belli d’Italia.

Sul luogo dell’incidente è arrivato subito un gommone della Guardia Costiera di Amalfi, che ha recuperato sia la vittima che le altre persone finite in mare. Sembra che due versino in gravissime condizioni.

Gli operatori del 118, anche loro arrivati tempestivamente a Praiano, hanno cercato di salvare la turista veneta. I tentativi di rianimazione sono stati fatui.

Il cadavere della 55enne si trova ancora presso il porticciolo di Amalfi, in attesa dell’arrivo del magistrato di turno e del medico legale.

Sulla vicenda indagano anche i carabinieri della Compagnia di Amalfi. La 55enne non è la prima vittima delle onde killer di Praiano.

Le onde killer

Le onde assassine non esistono solo in Italia. Certo, quelle che si formano in altre nazioni sono più grandi e potenti, ma anche quelle italiane possono rivelarsi letali.

La turista veneziana stava semplicemente camminando, non stava facendo surf od altri sport estremi in acqua. Sì perché, negli ultimi anni, i flutti hanno stroncato diversi surfisti.

Nel 2013, il campione di surf Kirk Passmore perse la vita alle Hawaii. Mentre cavalcava un’onda gigantesca, il 32enne aveva perso l’equilibrio ed era finito in acqua. Il mare, subito dopo, aveva restituito il corpo esanime del surfista esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *