Ong, Di Maio replica agli attacchi di Grasso e lancia strali al Pd

By | 29 aprile 2017

Ong, botta e risposta tra Di Maio e GrassoLa polemica sulle Ong presunte ‘amiche’ degli scafisti non accenna a placarsi. Un dibattito innescato, giorni fa, dal vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio. Questo aveva accusato le Organizzazioni non governative di favorire gli sbarchi di migranti e lucrare sugli immigrati. Parole forti che hanno sconvolto molti personaggi del mondo della politica, e non solo.

Di Maio non prende lezioni dal Pd

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha dichiarato nelle ultime ore che Di Maio ha qualche lacuna sulle Ong, quindi dovrebbe prendere qualche lezione. L’esponente del M5S non ha tardato a replicare, sottolineando di non smettere mai di imparare ma certamente non prende lezioni dal Pd, un partito che ha preso denaro grazie agli affari dei migranti. ‘Anni e anni di magistratura eppure le è sfuggito’, ha scritto Di Maio su Facebook.

Continuano a far discutere, dunque, le parole proferite dal vicepresidente della Camera sulle Ong, tra l’altro asseverate dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro. Luigi Di Maio, su Facebook, ha replicato per le rime a tutti quelli che, nelle ultime ore, lo hanno criticato per aver espresso la sua opinione sulle Ong, tra cui il premier Gentiloni e il ministro della Giustizia Orlando. ‘Da queste persone non accetto lezioncine sulla responsabilità delle cariche istituzionali‘, ha scritto l’esponente pentastellato sul social network in blu.

Gentiloni e Renzi encomiano il lavoro delle Ong

Per il premier Paolo Gentiloni, i volontari che salvano, ogni giorno vite, sono ‘benvenuti’, e se qualcosa di strano o illegale sarà la magistratura ad accertarlo. Della stessa opinione del premier anche il Guardasigilli Orlando, secondo cui è la giustizia che deve valutare i risvolti penali delle Ong. Ha biasimato il M5S, la Lega e Di Maio anche l’ex premier Renzi, che ribadisce la necessità di prendere gli scafisti ed intervenire, senza attaccare qualcuno solo per prendere una manciata di voti.

loading...

La discussione sulle Ong prosegue e, probabilmente, non verrà chiusa presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *