Panettiere Siciliano Picchia Moglie: “Tu Morirai, io Andrò in Galera”

By | 4 febbraio 2016

Panettiere Siciliano Umilia e Malmena Moglie: DenunciatoFemminicidio in Sicilia, precisamente a Scicli, in provincia di Ragusa. Un panettiere 40enne è stato arrestato con l’accusa di detenzione di arma clandestina ed alterata e possesso di oggetti atti ad offendere

loading...

 

L’uomo offendeva e picchiava continuamente la moglie, una 38enne, che aveva deciso di separarsi. Il panettiere era solito, però, ripeterle spesso “tu morirai, io andrò in galera”. I due hanno avuto insieme 3 figli, di 11 e 6 anni e di 17 mesi.

La donna, stanca dei continui soprusi del marito-orco, ha trovato la forza di recarsi al commissariato di Polizia e sporgere denuncia. Subito sono state avviate le indagini e l’uomo è finito in manette. Gli agenti hanno perquisito l’abitazione dove il panettiere viveva con moglie e figli, ed hanno scoperto una pistola calibro 8 con matricola abrasa e un coltello a scatto.

Prima di denunciare il marito, la 38enne aveva parlato di quello che subiva a molte persone del paese. Alla fine, la donna si è convinta ed ha raccontato tutto anche ai poliziotti. Quando gli agenti sono entrati in casa,  l’uomo era sotto il letto perché aveva intuito che la Polizia lo stesse cercando per arrestarlo.

Agli agenti il panettiere ha detto di non aver mai umiliato o picchiato la moglie, definendosi una persona serena e inoffensiva; inoltre ha sottolineato di avere un coltello a scatto nel marsupio di difendersi da possibili aggressioni.

La vittima degli abusi e i figli sono stati portati in un luogo sicuro. Adesso la Procura di Ragusa sta valutando la situazione e, a breve, deciderà dove far soggiornare madre e bimbi.

Un altro caso di femminicidio a distanza di pochi giorni dal terribile episodio avvenuto a Pozzuoli, dove un uomo ha dato fuoco alla compagna incinta e si è dato alla fuga. La piccola è stata salvata, mentre la mamma, che ha riportato profonde ustioni, lotta tra la vita e la morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *