Paura per Walter Veltroni: morso da cane alla Festa dell’Unità

By | 25 luglio 2017

Walter Veltroni morso da un cane alla Festa dell'UnitàDisavventura per l’ex sindaco di Roma Walter Veltroni, che, in occasione della Festa dell’Unità di Botticino, in provincia di Brescia, è stato morso a una gamba da un cagnolino. L’episodio è avvenuto quando l’esponente del Pd stava salendo sul palco per presentare il suo nuovo film ‘Indizi di felicità’. Veltroni ha provato dolore ed è stato subito condotto presso un’ambulanza della Croce Bianca per la medicazione. Poi, è tornato sul palco ed ha parlato come se nulla fosse accaduto. I presenti, comunque, hanno notato i segni del morso sui pantaloni. Il proprietario del cane è stato rintracciato dai carabinieri, che si sono sincerati delle vaccinazioni dell’animale. Solo un po’ di paura, dunque, per l’ex sindaco di Roma che, dopo le medicazioni al polpaccio, è subito salito sul palco a parlare del suo ‘Indizi di felicità’.

La smania di parlare di ‘Indizi di felicità’

I carabinieri hanno accertato che il cucciolo di cane che ha morso al polpaccio Walter Veltroni era stato vaccinato. L’esponente dem, comunque, è stato sottoposto a un’accurata medicazione nell’ambulanza presente alla Festa dell’Unità di Botticino. Non è bastato il morso di un cagnolino a fermare Walter. La voglia di parlare a tanta gente del suo nuovo documentario è stata veramente forte. Un documentario incentrato sugli sprazzi di felicità di gente diversa. Il regista, scrittore, politico romano ha voluto sottolineare che oggi la felicità rappresenta un concetto quasi desueto. Persino i bimbi, oggi, quando camminano con i genitori hanno lo sguardo triste. Eppure ancora sanno così poco della vita. La vita di Walter Veltroni non è stata facile, in primis perché è vissuto senza un padre, morto quando era piccolissimo. Comunque, a chi domanda a Walter se nella sua vita sia mai stato felice lui risponde affermativamente. I successi ottenuti dal 62enne, nella vita e in ambito professionale, sono stati innumerevoli. Basti ricordare che Veltroni è stato vicepresidente del Consiglio dei ministri, ministro dei Beni culturali e sindaco di Roma. Oggi è iscritto al Pd ma dedica le sue giornate al cinema e alla scrittura perché ‘un impegno civile lo si può avere in tanti modi, e il mio prosegue attraverso il cinema’.

La felicità: concetto oggi desueto

Non è stati certo il morso di un cucciolo di cane a far irritare Walter Veltroni, grande politico e grande uomo che ha dovuto mangiare giù anche ‘bocconi amari’ nella sua vita. A Walter dispiace che questo mondo sia cambiato in peggio, che certi valori importanti si siano dissolti. Cos’è per il 62enne la felicità? Beh, innanzitutto politica, comunione e civiltà. Splendide e toccanti le parole che si sentono all’inizio del documentario ‘Indizi di felicità’: ‘La felicità richiede sempre fatica, capacità di vincere sfide, e di superare ostacoli. La felicità esiste forse solo se condivisa e se è ricerca costante di un obiettivo, di una meta, di un sogno da realizzare’.

loading...

Tante storie, tante persone intervistate, tanto dolore e tanta gioia. Walter Veltroni, per realizzare ‘Indizi di felicità’ ha sentito storie commoventi, scoprendo, anzi corroborando la convinzione che la felicità arriva sempre dopo un forte dolore e chi la narra piange quasi sempre. Toccante, ad esempio, la storia di Nunzio, un uomo che ha sconfitto il tumore. Gli avevano dato pochi mesi di vita ma, alla fine, ce l’ha fatta ed oggi gli basta osservare il soffitto della sua stanza per sentirsi felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *