Cronaca

Pedofilia, un bimbo abusato ogni tre giorni: il monito di Telefono Azzurro

Pedofilia, 5 maggio Giornata nazionaleE’ allarmante il dato diffuso da Telefono Azzurro sulla pedofilia in Italia. L’anno scorso nel Bel Paese è stato abusato un minore ogni tre giorni. Non finisce qui: in quattro casi su dieci il piccolo violentato non ha compiuto nemmeno dieci anni. Dati agghiaccianti, che fanno accapponare la pelle, ma che Telefono Azzurro ha voluto diffondere proprio in occasione della Giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia. L’associazione ricorda che il fenomeno è preoccupante ma ridimensionato.

Vittime pedofilia preferiscono tacere

Un bimbo che subisce abusi su tre preferisce restare in silenzio, secondo il Telefono Azzurro. Gran parte delle vittime dei pedofili, quindi, stanno in silenzio, soffrono senza dire nulla a nessuno, neanche ai loro genitori.

Paura, vergogna e sensi di colpa sono solo tre dei fattori che spingono le vittime della pedofilia a tacere, oppure a confessare gli abusi dopo molto tempo, addirittura dopo 20 o 30 anni.

Genitori ed educatori devono aiutare i piccoli

Ernesto Caffo, presidente del Telefono Azzurro, ha affermato a margine della conferenza ‘Abuso sessuale e pedofilia: conoscere il fenomeno per rompere il silenzio’: ‘Capita che i bambini chiedono aiuto per altri perché le vittime hanno paura di esporsi. Parlare di queste cose tra coetanei è molto importante, senza avere paura dello stigma. L’abuso molte volte avviene sia in famiglia sia nella scuola, nelle realtà sportive, nelle comunità religiose. Questo vuol dire che dobbiamo formare gli adulti, gli educatori e cogliere segnali precoci e saper aiutare le vittime…’.

Pedofilia: 18 milioni di vittime in Europa

La pedofilia è una piaga europea e mondiale. Telefono Azzurro ricorda che in Europa sono stati violentati circa 18 milioni di bimbi. Oggi a favorire i pedofili è anche la Rete. Sono quasi 80mila le pagine web che ritraggono bimbi abusati scoperte dalle forze dell’ordine l’anno scorso. In Italia, nell’arco di 12 mesi si sono registrate 1.250 segnalazioni di contenuti pedopornografici.

La Giornata nazionale contro la pedofilia e la pornografia è stata istituita nel 2009 con una legge per meditare sui metodi per prevenire e contrastare un fenomeno grave e, purtroppo, svilito.

Telefono Azzurro sigla protocollo con il Ministero

Tante associazioni, come Telefono Azzurro, hanno organizzato incontri e conferenze sul tema della pedofilia in Italia. Proprio Telefono Azzurro ha di recente firmato un protocollo con il Ministero della Salute che contiene le linee guida per promuovere e tutelare l’integrità psicofisica dei bambini.

La pedofilia si combatte in maniera efficace se c’è uno sforzo congiunto, se c’è una partnership tra famiglie, scuole, educatori, associazioni che tutelano i minorenni e, ovviamente, istituzioni.

E’ inquietante il contenuto del Report 2017 dell’Osservatorio mondiale contro la pedofilia e la pedopornografia di Meter Onlus, che ogni anno fornisce un ragguaglio delle attività mirate alla prevenzione e al contrasto della pedofilia svolte dall’associazione.

Don Di Noto: ‘Pedofilia è un business’

Don Fortunato Di Noto, presidente e fondatore dell’associazione, ha spiegato che ‘adescamento, abuso, produzione, diffusione e acquisto del materiale della pedofilia e della pedopornografia sono un business in crescita gestito anche dalla criminalità organizzata nel silenzio e nella connivenza dei colossi del web e di tanti Paesi che ancora non hanno una legislazione specifica e non collaborano contro questi reati’.

Il Report evidenzia che i giganti della Rete fanno poco, o nulla, per contrastare la piaga della pedofilia online. I siti non vengono controllati.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.