Perché il gas nervino è devastante? Skripal in fin di vita

By | 9 marzo 2018

skripal-figlia-gas-nervinoAvvelenamento con gas nervino. Questa è una delle ipotesi che in Gran Bretagna sono state avanzate di recente riguardo al caso dell’ex spia russa Sergei Skripal e la figlia Yulia. E’ probabile che il gas nervino sia stato diffuso nella zona dove si trovavano padre e figlia oppure messo negli alimenti o nelle bevande consumate. Gli investigatori britannici continuano ad indagare sull’episodio accaduto domenica scorsa a Salinsbury. Un’altra ipotesi, anch’essa autorevole, concerne ‘un regalo offerto da amici’ e portato in Gran Bretagna dalla figlia di Skripal. Non si esclude che proprio tale dono possa essere stato la sorgente del gas nervino.

Poliziotto britannico migliora

Skripal e la figlia sono ancora in gravi condizioni, in terapia intensiva. Amber Rudd, ministra dell’Interno, ha precisato che sta migliorando invece il poliziotto avvelenato che per primo è intervenuto in aiuto di padre e figlia. L’uomo risponde alle domande ma i medici sono ancora cauti. Il suo quadro clinico è preoccupante. Il Governo, secondo la Rudd, reagirà energicamente e punirà severamente gli autori di un ‘crimine sfacciato e spericolato’.

Rapporti tra Mosca e Londra potrebbero interrompersi

Il caso di domenica scorsa non fa certamente bene ai rapporti tra Londra e Mosca. Nick Boles, deputato conservatore, vuole interrompere ogni relazione diplomatica con la Russia prima della conclusione delle indagini. Dello stesso avviso anche Chris Bryant, un laburista. Skripal, ex ufficiale dell’intelligence militare russa, è svenuto domenica scorsa sulla panchina di un centro commerciale. Vicino a lui la figlia, anch’essa senza sensi. Attualmente padre e figlia versano in gravi condizioni. Un funzionario ha rivelato ai microfoni del Times che probabilmente l’uomo non riuscirà a salvarsi; la figlia invece potrebbe farcela.

Gas nervino blocca il sistema nervoso

Il gas nervino è una sostanza altamente tossica che intacca il sistema nervoso. Il composto chimico sarebbe stato usato anche per uccidere il fratello di Kim Jong-un, l’anno scorso, all’aeroporto di Kuala Lumpur. Quando si parla di gas nervino si fa riferimento a una sostanza chimica che interrompe efficacemente la comunicazione tra cervello e muscoli; in soldoni, impedisce al corpo di funzionare. La sostanza letale può assumere forme diverse (aerosol, gas o liquido) ed entrare nel corpo mediante inalazione, consumo di bevande o alimenti contaminati, o la pelle.

Sintomi dell’intossicazione

I tipici sintomi dell’intossicazione da gas nervino sono perdita di coscienza, irrequietezza, respiro affannoso e naso che cola. Gli esperti del Centers for Disease Control sostengono che i sintomi possono comparire dopo qualche minuto od ora; dipende dalla dose inalata. Il corrispondente di Sky News Thomas Moore, esperto di scienza, ha riferito all’OPCW che il gas nervino può soffocare una persona nel giro di un paio di minuti se somministrato ad alte dosi.

Non si sa ancora se l’ex spia russa e la figlia siano stati intossicati con il gas nervino e, ovviamente, non si conoscono le dosi assunte. Prima di perdere coscienza, padre e figlia avevano mangiato in un ristorante. Un testimone ha rivelato alla BBC che Skripal, a un certo punto, aveva perso la pazienza. Era diventato furioso, urlava e pretendeva il conto. Un altro testimone ha detto di aver visto padre e figlia sulla panchina in gravi condizioni. Lui guardava verso il cielo e muoveva le mani in modo strano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.