Perù al posto di Gesù nella canzoncina di Natale

By | 30 dicembre 2017

Natale scuola canzone GesùNon voleva urtare la sensibilità degli alunni di altre religioni. Ecco il motivo per cui la maestra di una scuola primaria di Zoppola, in provincia di Pordenone, ha sostituito la parola Perù a Gesù nella canzoncina di Natale. I primi ad accorgersi del testo cambiato sono stati alcuni genitori, mentre intonavano il brano a casa, con i figli. Il caso è avvenuto nella scuola primaria Beato Odorico da Pordenone. La maestra finita sulla graticola insegna in una classe terza.

Minuetto di Natale

Tanta indignazione per la scelta della maestra, a Zoppola. Nel paesino in provincia di Pordenone non si parla d’altro.

La canzone di Natale modificata è ‘Minuetto di Natale’. In origine, nel brano c’era la parola Gesù. Secondo la maestra, tale termine avrebbe potuto turbare gli alunni stranieri e quindi ha pensato di sostituirlo con Perù, parola che invece non avrebbe scombussolato nessuno.

I genitori di due bimbi che frequentano la scuola primaria di Zoppola si sono accorti dello strano brano durante il pranzo di Natale. I piccoli, a tavola, intonavano la canzoncina, lasciando perplessi il papà e la mamma.

Le scuse della maestra

La notizia della canzoncina di Natale mutata si è subito diffusa nel Paese e anche sui social. Indignato anche il candidato sindaco di Autonomia responsabile Gianni Sartor. La maggioranza delle persone considera la sostituzione di Gesù con Perù un’aberrazione che si doveva senz’altro evitare.

Armida Muz, preside dell’istituto comprensivo di Zoppola, dice di non essere al corrente della storia della canzoncina di Natale modificata.

‘Non sono d’accordo con simili scelte. Se una canzone contiene il termine Gesù, non la si può modificare. Se si ritiene che certi tipi di testi possano arrecare disagi a qualcuno, si devono scegliere canzoncine senza determinati riferimenti…’, ha chiosato la dirigente scolastica.

La maestra censurata si è intanto scusata con la preside e i genitori, garantendo che non commetterà più un errore di tale sorta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.