Esteri

Pesci nel mar Morto: ecco che si avvera il presagio del profeta Ezechiele

Pesci nel Mar morto: tutti sanno che non sarebbe possibile e invece il racconto ha dell’incredibile. Incredibile perché la religione insegna che secondo la profezia di Ezechiele ci sarà l’inizio della fine del mondo quando il Mar Morto prenderà vita.

Pare che un fotoreporter israeliano abbia scoperto dei piccoli punti d’acqua dolce nel Mar Morto in cui ci sono forme di vita fino ad ora ignote.

Pesci nel Mar Morto: il caso

Non a caso il Mar Morto si chiama così il suo ambiente arido e della mancanza quasi di vita acquatica: il mare che bagna Israele e la Cisgiordania è talmente salato da essere poco adatto alla vita.

Il fotoreporter israeliano Noam Bedein del Dead Sea Revival Project però ha definito il mare «tutt’altro che morto, quasi fosse l’ottava meraviglia del mondo».

L’esistenza di pesci nel Mar Morto va contro natura e lascia tutti di stucco, tanto che lo stesso fotoreporter prova a dare una spiegazione mistica al fatto, e in particolar modo ha ricordato cosa dicesse la Bibbia in merito alla profezia di Ezechiele.

Pesci nel mar Morto, la profezia di Ezechiele

Nel libro della Genesi 13:10, la Bibbia parla di una valle dove ora si trova il Mar Morto e di come inizialmente ci fosse fertilità. Nei racconti seguenti della Bibbia si parla di questo paesaggio che cambiò a causa della distruzione di Sodoma e Gomorra, e la valle divenne una landa desolata. La profezia dice che acqua dolce presente a Gerusalemme possa riodonare la vita nel Mar Morto.

Bedein e il suo team hanno visto i repentini cambiamenti del mare negli ultimi due anni, e ha spiegato: «In un luogo che era stato maledetto ai tempi della Bibbia ora si possono esplorare le doline e, dove l’acqua si è ritirata, vedere i pesci così come detto nella profezia di Ezechiele».

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.