Picchia la professoressa che gli dice di consegnarle il cellulare

By | 21 marzo 2018

studente-professoressa-cellulare-firenzeLa professoressa gli dice di consegnarle il cellulare e lui, stizzito, la spintona e la picchia. Siamo a Firenze, esattamente all’Istituto tecnico Sassetti Peruzzi. Prima dell’inizio della lezione, l’insegnante aveva chiesto ai ragazzi di posare i loro telefonini sulla cattedra per evitare disattenzioni. Aveva sempre fatto così. Uno studente, però, si è rifiutato di consegnare il suo smartphone e quando si è trovato a tu per tu con la prof le ha sferrato un pugno al petto. L’insegnante si era avvicinata al ragazzo riottoso per farsi dare il cellulare ma ha rimediato un colpo al petto. L’episodio è avvenuto davanti a tutti gli altri studenti, perplessi e silenziosi. La stessa professoressa non ha detto e fatto nulla, continuando la lezione. Poi ha avvisato i colleghi ed ha chiamato gli operatori sanitari.

Contusione al torace

Un altro episodio di violenze in classe. Ancora un volta, ad avere la peggio è stato un insegnante. Nessuno, in classe, immaginava che lo studente avrebbe reagito con una violenza del genere. La professoressa è stata strattonata e colpita al petto dal suo studente. I medici le hanno diagnosticato una contusione al torace. Se la caverà con qualche giorno di riposo. Un episodio sconvolgente che ha subito scatenato un vespaio di polemiche a Firenze. Il preside dell’Istituto tecnico Sassetti Peruzzi ha indetto un consiglio di classe straordinario per valutare la situazione. Il 15enne intanto è stato sospeso per 15 giorni dalla scuola ed obbligato ad incontrare gli psicologi che lavorano nello sportello di ascolto della scuola.

Studente sospeso per 15 giorni

‘Nonostante la nostra scuola abbia un’utenza molto variegata e per certi tratti complessa, è la prima volta che capita un episodio di violenza’, ha spiegato il preside Osvaldo Di Cuffa. I professori hanno subito reclamato misure rigide nei confronti dello studente brutale, provvedimenti tali da disincentivare gli altri ragazzi dal commettere azioni incivili e pericolose. Il dirigente scolastico ha aggiunto che i compagni di classe del ragazzo aggressivo ‘attendevano con apprensione la decisione del consiglio di classe. Per loro è stato un fatto straordinario. Sono rimasti spiazzati. Il ragazzo che ha aggredito la professoressa ha alcune difficoltà di relazione, soprattutto nei confronti degli adulti, ma non è un bullo, non ha mai avuto prima  comportamenti violenti’.

La professoressa non ha intenzione di sporgere denuncia ma vuole incontrare il ragazzo e i suoi genitori per capire il motivo di una reazione così rabbiosa. Sempre in un istituto tecnico, recentemente, uno studente è andato in escandescenze ed ha ferito con un coltello la professoressa d’italiano. Il ragazzo, 17 anni, frequenta una scuola di Santa Maria a Vico (Caserta) ma vive ad Acerra. L’insegnante ha riportato una profonda ferita alla guancia. Non si conosce il motivo per cui il ragazzo ha colpito la prof. Si ipotizza una furia dovuta a un voto basso. Il giovane, dopo il gesto sconsiderato, era stato condotto nella caserma dei carabinieri. La prof invece era stata medicata all’ospedale di Maddaloni con prognosi di 15 giorni. Gli investigatori hanno scoperto che lo studente si era recato a scuola con un coltello a serramanico, quindi avrebbe pianificato il raid contro l’insegnante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.