Fare pipì all’Eliseo durante i meeting: il cane di Macron può

By | 23 ottobre 2017

Eliseo, cane Macron entra in una stanza e fa pipìC’è un essere vivente che può fare tutto, o quasi, all’Eliseo. Indovinate un po’ chi è. Una persona? Brigitte Macron? No, il vero ‘padrone’ dell’Eliseo è Nemo, il cane del presidente Macron. Un video, nelle ultime ore, sta suscitando l’ilarità di milioni di persone, francesi e non solo. Il filmato ritrae Nemo che entra in una stanza della dimora presidenziale, dove Emmanuel e 3 membri del Governo stanno dialogando, e fa la pipì sul camino. ‘Sta facendo qualcosa di assolutamente eccezionale’, dice Emmanuel Macron ai 3 segretari di Stato quando il suo cane alza la gamba davanti al camino. Uno di loro, a un certo punto, chiede al presidente francese: ‘Accade spesso?’. Immediata la replica di Macron: ‘No, tu hai innescato un comportamento assolutamente insolito nel mio cane’. Emmanuel Macron e la compagna Brigitte hanno adottato il labrador Nemo qualche mese fa. L’animale si trovava in un rifugio per animali. Anche l’ex presidente Hollande aveva un cane, sempre un labrador. Sembra che nell’ultimo mezzo secolo tutti i presidenti francesi abbiano portato un cane nella dimora presidenziale, dotata di numerosi giardini. La razza preferita dagli inquilini dell’Eliseo è il labrador.

Brigitte Macron animalista

Estremo imbarazzo per Emmanuel Macron, all’Eliseo, mentre discuteva con Benjamin Griveaux, Julien Denormandie e Brune Poirson, tre membri importanti dell’Esecutivo transalpino. Il cane Nemo, durante il dialogo, è entrato ed ha fatto la pipì sul camino. Il giovane presidente francese, dopo uno scambio di battute, ha cercato di minimizzare, tornando a parlare di questioni serie.

A Brigitte Macron ed Emmanuel piacciono molto i cani. Lo scorso agosto hanno adottato il labrador nero, che hanno voluto chiamare Nemo in onore del celebre romanzo ‘Ventimila leghe sotto i mari’. Nemo è l’unico che può fare tutto, o quasi, nella dimora del presidente francese. Anche urinare durante importanti meeting.

Una domenica di agosto, la coppia presidenziale si era recata in un rifugio per scegliere il nuovo amico a quattro zampe. L’attenzione dei due era ricaduta sul labrador nero, che era stato abbandonato a due anni di vita. Dopo averlo adottato, Emmanuel Macron era tornato all’Eliseo; Brigitte, era arrivata in un secondo momento con Nemo.

Alla fine di giugno, secondo quanto aveva riferito Paris Match, Brigitte Macron aveva detto che avrebbe adottato un cane in un rifugio, visto che sarebbe stata sua figlia Tiffany a prendersi cura di Figaro, il suo dogo argentino.

Brigitte Macron è una grande amante degli animali, specialmente i cani, e il giovane Emmanuel non può fare altro che assecondarla. Lo scorso agosto la signora Macron aveva visitato il rifugio di Hermeray con due nipotini. Dopo la visita, l’associazione aveva scritto sul suo sito web: ‘La first lady francese si è mostrata molto consapevole della problematica dell’abbandono degli animali, specialmente in questo periodo estivo. La coppia presidenziale prevede di tornare presto al rifugio per scegliere il suo futuro compagno’.

Emmanuel e Brigitte hanno mantenuto la promessa

Emmanuel e Brigitte hanno mantenuto la promessa: sono tornati al rifugio per cani ed hanno adottato Nemo. E’ la prima volta che un presidente francese porta all’Eliseo un cane proveniente da un rifugio. Un gesto che fa certamente onore al presidente Macron e alla compagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *