Pitone nel water

By | 13 maggio 2014

Donna viene morsa da un pitone sbucato fuori dal suo water

pitone

Questa notizia a dir poco scioccante arriva direttamente da Singapore. Noraslinda Asat, una caslinga di 34 anni, era seduta sul water come ogni mattina, quando qualcosa di indefinito dal buco della tazza le ha morso l’interno coscia.
Potete immaginarvi l’orrore della donna nel vedere che il colpevole era un pitone di circa 4 metri, spesso orientativamente come il braccio di suo marito.

Il morso era stato preceduto dal tipico verso sibilante prodotto dall’inquietante rettile. Subito dopo aver ricevuto l’aggressione il pitone si è ritirato nelle tubature, da dove era venuto. La donna, con la gamba che le doleva e preoccupata per le sue condizioni di salute, si è prontamente recata al pronto soccorso dove ha ricevuto le cure opportune.
I funzionari dell’Animal Research and Education Society si sono subito messi alla caccia del serpente che a quanto sembra vivrebbe nelle fognature di Singapore insieme, molto probabilmente, ad altri esemplari forse di dimensioni anche maggiori.
Un pitone è stato avvistato e catturato nei pressi di un tombino, ma sarà necessario intensificare le operazioni per valutare se i sanitari dell’isola definita come “la meta turistica più cara del mondo” siano o meno ancora a rischio.

Stando a Noraslinda e a chi vive con lei, il trauma più che di natura fisica è psicologico: a seguito di questo episodio ella si rifiuta di andare in bagno in casa propria ed espleta i suoi bisogni solamente in toilette pubbliche.
Non è la prima volta che un pitone viene ritrovato in casa Asat: anche la madre della donna aveva avvistato un serpente un po’ di tempo prima. In quel caso non si era consumata alcuna aggressione e la donna tirando l’acqua era riuscita a ricacciarlo nella fognatura.

Per anni la leggenda metropolitana dei coccodrilli nelle fognature di New York circolò, scuotendo i più sensibili. A quanto sembra nelle fognature di Singapore si celano per davvero infidi rettili, non sono coccodrilli ma pitoni. Per quanto riguarda in Italia, al momento fortunatamente ci ritroviamo con i classici topi e a giudicare da ciò che si verifica fuori, ci va più che bene così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.