Misteri

Poltergeist? No, una donna che viveva sotto il loro letto

Terrorizzata dai fenomeni Poltergeist una coppia si rivolge alla polizia. Incredibilmente, gli agentipoltergeist film trovano una donna sotto effetto di Metanfetamina sotto il loro letto

Poltergeist? Presenze demoniache? Non c’è dubbio che queste parole rimandino a quell’universo del soprannaturale che tanto ci spaventa ma al tempo stesso ci affascina e incuriosisce.
Questa storia incredibile e grottesca che potrebbe tranquillamente essere l’inizio della sceneggiatura del nuovo Paranormal Activity o del più datato Poltergeist del 1982, arriva da Seattle e ha per protagonisti Brian e Bridget O’Neill, una giovane coppia che vive in un’appartamento in un condominio sulla Northeast 42 avenue.

Mercoledì notte i due avevano fatto rientro a casa al termine di una serata conclusasi più tardi del previsto. Aperta la porta una spiacevole sorpresa li attendeva:
L’appartamento era stato messo letteralmente sottosopra, i quadri alle pareti erano stati spostati e le maniglie delle porte erano state ricoperte da gel per capelli. Bridget, che lavora come grafic Design presso la Pokemon Company International, ha dichiarato al sito Vocativ.com che lo spettacolo più raccapricciante si presentò però in camera da letto, dove i vestiti della donna erano tutti riversi sul pavimento. Sul letto matrimoniale si trovavano accatastati gli oggetti elettronici di casa; dagli stivali di Bridget, circa 20 paia, erano state staccate le suole.
poltergeist
Tuttavia in casa non mancava nulla. Quella che sembrava la classica scena di un furto era un soqquadro senza maltolto, poiché il ladro o presunto tale non aveva sottratto alcun oggetto: i computer e i gioielli erano al loro posto. Spaventati, i coniugi O’neill decidono di chiamare la polizia.

Gli agenti ipotizzarono che qualcuno potesse essere entrato dalla finestra dopo essersi arrampicato dall’albero adiacente alla camera da letto. Non furono in grado di rivelare la presenza di impronte o altri indizi, fatta eccezione di una borsa che Bridget confermò non appartenerle.

L’ispezione della polizia durò 45 minuti, a conclusione della quale la coppia rimase sola in casa. Non trascorse nemmeno un’ora  che Brian O’neall se la fece addosso dalla paura.
Da sotto il letto, un letto a gambe basse, udì provenire un sinistro rantolio.

“Sembrava il lamento di un procione o di qualche animale ferito. Certamente era qualcosa di vivo, ma non erano i nostri gatti perché si trovavano insieme a noi”
Ha spiegato Brian.

Poltergeist deriva dal tedesco e letteralmente significa “spirito rumoroso”. Improvvisamente i rumori si fecero più forti e il letto cominciò a muoversi. Qualcuno da sotto stava graffiando la rete. Terrorizzati, Brian e Bridget(nella foto in basso) si sono fiondati fuori dalla camera convinti di essere sotto l’attacco di un Poltergeist, e hanno di nuovo composto il numero della polizia.
o'neill
“Quando abbiamo ricevuto questa seconda chiamata ci siamo un po’ preoccupati. Non siamo mai stati addestrati per affrontare un Poltergeist.”
Ha dichiarato ironicamente uno degli agenti accorsi in casa O’Neill.

I due giovani rimasero sul pianerottolo ad attendere gli agenti, che si avventurarono in casa. Dopo una ventina di minuti gli stessi uscirono dall’appartamento tenendo per le braccia una donna dal volto emaciato, deperita, quasi scheletrica. La ragazza, la cui identità è rimasta anonima, aveva circa 27 anni e dichiarò di essere da giorni sotto l’effetto di Metanfetamina, un potente stimolante che annulla lo stimolo della fame e consente di ridurre le ore giornaliere di sonno. Se assunto in maniera continuativa per lunghi periodi, la metanfetamina danneggia irrimediabilmente le cellule celebrali, provocando stati di ansia, paranoia, shock e delirio. Fisicamente gli effetti sono riscontrabili in un rapidissimo dimagrimento e nella perdita di denti e capelli. L’overdose può portare alla morte.
soprannaturale
La donna era alta 1.70 e pesava appena 40 chili. Si era intrufolata in casa dei coniugi O’neill e in preda alla paranoia si era nascosta sotto il letto. Li, con un coltello da cucina, aveva iniziato a perforare il materasso e a tagliarsi le ciocche dei capelli.

“Mi dispiace molto per questa donna, le sue condizioni erano veramente spaventose. Stava molto male, era così piccola e magra. Abbiamo avuto una grande paura, ma ora siamo più tranquilli, certamente però acquisteremo un materasso nuovo.”
Ha concluso Brian O’neill al termine di questa incredibile vicenda.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.