Pornografia crea dipendenza come la droga: stessi effetti sul cervello

By | 8 ottobre 2017

Pornografia genera dipendenza come le drogheUn recente studio della BBC si è concentrato sulla pornografia e sugli effetti sul cervello. Ebbene sì, osservare filmati a luci rosse forse crea dipendenza come la droga. Nel mondo poche cose sono sono realmente universali, ovvero compiute dalla maggior parte delle persone. Mentre c’è chi parla lingue diverse, mangia cibi differenti e prova sentimenti eterogenei, milioni di persone, nel pianeta Terra, guardano video a luci rosse. Nonostante il mercato della pornografia non conosca crisi, molti medici ed esperti hanno sottolineato e sottolineano che sia un male per la salute, o meglio sia una fonte di tante malattie. Un drappello di politici dell’Utah hanno etichettato il porno come un pericolo per la salute pubblica. Quello che è certo è che la pornografia è cambiata molto negli ultimi anni, grazie soprattutto all’avvento del web e delle connessioni veloci. Oggi filmati a luci rosse sono fruibili con un semplice clic, a differenza di decenni fa. Ciò rappresenterebbe un’insidia per molti. Un team di ricercatori dell’Università di Newcastle, all’inizio di quest’anno, ha condotto uno studio in tema, scoprendo che i video ‘piccanti’ possono seriamente modificare l’atteggiamento di chi li guarda e incidere negativamente sulle relazioni.

I presunti effetti negativi dei video’piccanti’

Sebbene siano stati svolti molti studi al riguardo, non è semplice stabilire gli effetti negativi della pornografia. Agli scienziati non resta che interrogare un folto numero di ‘porn addicted’ nel corso delle ricerche per scoprire comportamenti ed effetti che si riscontrano spesso. Finora, comunque, la scienza è riuscita ad enucleare una serie di presunti effetti negativi dei video ‘piccanti’. Ne riportiamo alcuni:

  1. Favoriscono gli stupri
  2. Modificano una parte di cervello
  3. Causano la fine dei fidanzamenti/matrimoni

Oltre ai suddetti effetti negativi della pornografia ce n’è uno alquanto grave, ovvero la dipendenza. La maggior parte degli studiosi reputa che osservare video ‘piccanti’ favorisca l’assuefazione, un po’ come avviene con le droghe.

Alcuni ricercatori dell’università di Cambridge hanno equiparato la dipendenza dal porno a quella dalle sostanze stupefacenti. Il motivo? Sembra che entrambi attirino il cervello allo stesso modo. I partecipanti allo studio inglese avevano rivelato che vedere spesso filmati hot incidevano negativamente non solo sulla relazione coi partner ma avevano riflessi negativi sul lavoro e sulle altre sfere della vita quotidiana. I video a luci rosse renderebbero particolarmente attive tre aree cerebrali. Lo stesso avviene anche quando si assumono sostanze stupefacenti.

Ovviamente tali studi e risultati dovranno essere confermati in futuro. Per il servizio sanitario nazionale britannico, comunque, la dipendenza dal sesso e simile a quella dalla droga.

Cosa si può concludere?

Alla luce delle recenti ricerche sulle conseguenze della pornografia, allora, cosa si può concludere? Che potenzialmente il porno porta dipendenza e altera il comportamento. Ovviamente si tratta di ipotesi che dovranno essere confermate. In futuro i video a luci rosse saranno sempre più ‘immersivi’, il mercato evolverà, come ha fatto negli ultimi decenni, del resto. Tutto ciò porterà altri rischi? Beh, ancora è presto per dirlo. Aggressività, solitudine e scarsa attrazione per il partner sono effetti della pornografia o è vero il reciproco? Ai ricercatori l’ardua sentenza. Per ora possiamo solo dire che non si può generalizzare sugli effetti negativi dei video ‘spinti’. Ogni fruitore di tali contenuti si comporta in maniera differente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *