Porte garage: quali scegliere e come manutenerle?

By | 11 marzo 2014

Due differenti tipi di porta per garage

Anche se la porta del garage non riceve la giusta attenzione che dovrebbe esserle concessa, essa rappresenta un ruolo importante in una casa perché è il posto dove sono parcheggiati veicoli e costosi strumenti di manutenzione. Non è quindi una parte che possa essere trascurata.

Per scegliere lo stile della porta di un garage è importante avere una corretta idea degli articoli disponibili. Non ci sono molti modelli di porte da garage e ognuno di essi offre vantaggi differenti e caratteristiche proprie.

Considerate il materiale di cui una porta è fatta, solitamente i modelli sono realizzati in acciaio o legno. Il legno è più economico, ma sarà facilmente danneggiato dal tempo mentre l’acciaio è molto più resistente anche se più costoso. L’unica cosa veramente importante quando possedete una porta per garage di acciaio è assicurarsi che sia stata lavorata in modo tale da evitare l’ossidazione. Esistono anche porte da garage in alluminio e fibra di vetro, costano meno rispetto alle porte d’acciaio ma richiedono molta attenzione nell’utilizzo.

Portone sezionale del garage:

Questo tipo di porta assomiglia alle porte da garage a scomparsa per quanto riguarda il funzionamento e l’utilizzo. La porta e i pannelli sono sospesi orizzontalmente e per aprirsi, essa si piegherà verso soffitto del garage. Solitamente la sua struttura è in acciaio per garantire una sicurezza migliore e miglior funzionamento. Molto facile da installare, richiede 3-4 ore per il montaggio.

Porta basculante per garage:

Le porte “basculanti” per il garage sono l’ideale per le case che hanno un garage ampio. Infatti, quando la porta è aperta, essa si colloca nel soffitto del garage. Grazie a ciò si può parcheggiare l’auto vicino alla porta e avere più spazio. Questa è la caratteristica più vantaggiosa che questo portone anche molto facile da installare. Tale porta e in grado di garantire la massima sicurezza e può essere realizzata in diversi materiali come la plastica, il vetro, il legno, l’acciaio ecc.

Consigli sulla manutenzione della porta del garage

È un male comune, quello di dimenticarsi della porta del garage fino a quando non presenta dei problemi. Come tutte le cose però, è meglio prevenire che curare! Per evitare che dei problemi accorcino la vita della vostra porta per garage e salvarvi dal mal di testa seguono alcuni semplici consigli.

Impedite ingressi di umidità e acqua. Spesso i pannelli vengono danneggiati dall’umidità o dalla pioggia. Assicuratevi che l’acqua non passi attraverso i fori di fissaggio delle viti o nell’ingresso dei cavi. Potete sigillare questi punti con silicone o un materiale simile.

Animali come lucertole, topi eccetera o altri insetti possono penetrare nell’area attirati dal calore generato dalla corrente. Solitamente questa situazione avviene quando la porta del garage è automatizzata. Mettete del veleno per topi sul pavimento, facendo attenzione quando nell’area girano bambini e animali domestici.

Controllate periodicamente gli automatismi, osservate per vedere se qualche componente elettronico è danneggiato così da provvedere nella riparazione dei danni prima che essi peggiorino drasticamente.

L’area che accoglie la porta, tende ad accumulare dello sporco nelle guide. Mantenete pulito il suolo e le parti, dove scorre la porta, perché questo potrà causare inceppamenti o bloccarla oltre ad essere pericoloso.

Nelle porte a battenti, questo tipo di sporco si accumula sul fondo, dove ci sono le cerniere e possono causare la porta di non chiudersi correttamente. In altre porte, dove è usato del grasso per permettere una migliore scorrevolezza, esso tende a diventare duro. Rimuovete quel grasso e usate lubrificanti liquidi, anche se li dovrete applicare più spesso.

Prendete l’abitudine di oliare la porta almeno ogni due mesi con del grasso liquido a spruzzo. Alcuni pensano che il grasso sia meglio, questo è sbagliato perché con il passare del tempo diventa duro e causa inceppamenti. Il grasso in spray può essere trovato in qualsiasi ferramenta. Potete anche usare degli spray adatti a oliare le catene delle biciclette ma in questo caso dovete ripetere l’operazione ogni mese, perché questo tipo di olio tende a evaporare prima.

I punti da lubrificare sono quelli dove il motore gira, dove la porta scorre, i rulli e le ruote superiori. Il motore non dovrebbe essere mai smontato per lubrificarlo all’interno, quando sembra che questa sia un’operazione necessaria, parlatene con uno specialista.

Category: Acquisti

About Pamela Tela

Scrivo news giornaliere scegliendo quelle più interessanti per i lettori, amante del cinema e dei libri. Mi piace leggere e a volte anche correre :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.