Cronaca

Principe saudita si ubriaca e tortura i sudditi, video virali

Principe saudita terrorizza e percuote sudditiE’ costato caro al principe saudita Saud bin AbdulAziz ubriacarsi, torturare diversi sudditi ed immortalare le indecenti scene. Il rampollo, dopo la diffusione dei video, è stato arrestato per ordine del re Salman. Nelle ultime ore, infatti, sono diventate virali clip che ritraggono il principe dell’Arabia Saudita che si diverte a molestare e terrorizzare i sudditi in diversi modi. Un filmato, ad esempio, mostra il nobile mentre prede a schiaffi un uomo su una sedia. Un video è stato visto oltre 760.000 volte. Davanti a sequenze così aberranti, il re Salman non ha potuto fare altro che ordinare l’arresto del principe che, a quanto pare, era anche ubriaco mentre torturava i malcapitati. Una clip ritrae anche 18 bottiglie di whisky su un tavolo della magione del principe. Ovviamente, oltre al principe saudita, sono arrestati i complici, ovvero coloro che lo avevano immortalato mentre terrorizzava e schiaffeggiava i sudditi.

Video virali su YouTube

Quei video che mostrano sudditi torturati hanno fatto esplodere l’indignazione sul web ed hanno costretto il re Salman ad ordinare l’arresto del principe. Scandalo dunque in Arabia Saudita, nazione che torna alla ribalta dopo il caso della modella in minigonna e maglietta che camminava tranquillamente in uno dei punti più tradizionalisti della nazione. La televisione al-Ikhbariya ha reso noto che Salman ha emesso un mandato di arresto immediato per il principe Saud bin Abdulaziz bin Musaed bin Saud bin Abdulaziz al-Saud, successore del fondatore dell’Arabia Saudita e per gli uomini che appaiono nei video diventati virali su YouTube. In manette quindi sia quelli che hanno ripreso le torture che coloro che hanno aiutato il nobile a vessare i sudditi.

Un filmato diffuso nelle ultime ore sui social mostra il giovane nobile, uno dei tanti membri della casa reale, mentre viene portato via dalla sua abitazione, in manette, dai poliziotti. In una clip si vede un uomo con la bocca e i vestiti pieni di sangue e il principe che dice: ‘Parcheggia lontano dalla mia abitazione, metterò tua madre nella sua tomba’. Poi, lo sventurato fugge con la sua macchina. Sequenze sconcertanti che hanno sollevato un enorme polverone sulla casa reale saudita. Un altro video, poi, mostra il giovane principe che punta il fucile alla schiena di un cittadino che lo implora di non fargli nulla perché non ha fatto niente. I complici del nobile, intanto, ridono. Uno di essi tiene in mano una bottiglia di alcol. Ricordiamo che gli alcolici sono vietati in Arabia Saudita.

‘Nessuno è al di sopra della legge’

Un internauta, furioso, ha scritto su Twitter: ‘Non importa chi sei, principe, ministro, cittadino, nessuno è al di sopra della legge’. Le persone torturate verranno chiamate a testimoniare in tribunale, davanti ai magistrati sauditi. Sembra che il re Salman abbia deciso che nessuno degli arrestati possa tornare in libertà finché non venga emessa una sentenza islamica. L’Arabia Saudita è una nazione con un sistema penale molto rigido, che prevede pene esemplari per determinati reati. L’anno scorso, ad esempio, era stato giustiziato un principe condannato per omicidio.

Il re Salman, dinanzi a video del genere non poteva fare altro che ordinare l’arresto del principe e dei sui complici. Se non lo avesse fatto la sua reputazione ne avrebbe risentito. La legge è uguale per tutti, anche per i nobili. In Arabia Saudita le leggi sull’alcol sono molto stringenti. Allora perché il principe saudita aveva 18 bottiglie di whisky in casa? Due anni fa, un cittadino inglese venne condannato a 350 frustate solo perché sorpreso con qualche bottiglia di vino fatto in casa.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.