Prof rimprovera alunno: i genitori gli rompono una costola

By | 11 gennaio 2018

Il compito di un insegnante dovrebbe essere quello di guidare l’alunno, con le proprie esperienze e la propria cultura, all’acquisizione non solo di nozioni ma anche dei valori. Un compito delicato quindi quello di un insegnante e non sempre facile, specie poi se quando il prof rimprovera alunno: i genitori gli rompono una costola!
Si, avete capito benissimo, perché proprio questo è quanto è successo ad Avola, nella provincia siciliana, di Siracusa. Ma andiamo subito a scoprire tutti i dettagli di questo incredibile caso …

Un rimprovero comune

Il fatto incredibile è accaduto ad Avola, nella provincia di Siracusa, all’istituto Vittorini, dopo che il professore di educazione fisica aveva rimproverato il ragazzo.
Da una prima ricostruzione dei fatti, il professore, avrebbe alzato semplicemente la voce verso l’alunno irrequieto, durante la sua ora di educazione fisica, per farlo stare più quieto.
Un rimprovero quindi, comune a molti altri, che avvengono quotidianamente tra i banchi di scuola ma che di fatto, non è assolutamente piaciuto ai genitori dello studente 12enne, che giunti nel cortile dell’Istituto Vittorini, hanno cominciato a picchiare con calci e pugni l’insegnante di 60 anni.

L’aggressione al professore

L’alunno 12enne, probabilmente risentitosi per il richiamo subito dall’insegnante, ha deciso di avvertire immediatamente i suoi genitori per fargliela pagare. E così è stato!
I genitori del giovane infatti, padre operaio e madre casalinga, sono arrivati poco dopo nel cortile dell’Istituto ed hanno cominciato a picchiare ferocemente con calci e pugni il professore, sotto agli occhi degli altri studenti. Solo l’intervento tempestivo degli altri docenti dell’Istituto è riuscito a fermare la coppia ed ha evitato peggiori conseguenze.
Il professore è stato subito ricoverato in ospedale, ove si sono rese necessarie le cure dei medici. La prognosi è di 10 giorni, per via della frattura di una costola.
I Carabinieri dell’Arma hanno denunciato la coppia di genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *