Provoca incidente mortale e si vanta su Facebook: Brianna Longoria sciagurata teenager

By | 4 aprile 2016

California, Brianna Longoria uccide due persone e si vanta su FbMa in che mondo viviamo? Si condivide tutto sui social network, anche l’entusiasmo per aver ucciso una o più persone. E’ veramente scioccante la storia di Brianna Longoria, una 18enne americana che si è vantata su Facebook di aver ucciso due persone in un incidente stradale

 

loading...

 

 

 

Una storia inventata? No, tutto vero. Purtroppo. Brianna, una 18enne californiana,  era uscita con i suoi amici e all’improvviso non è riuscita a mantenere il controllo della sua auto, andando a schiantarsi contro un altro veicolo. Gli occupanti dell’altra macchina sono morti. Brianna non si è fermata, anzi ha continuato a sfrecciare con la sua macchina fino a casa e poi ha postato una sua foto sui social network, corredata dalla seguente annotazione:

“Sono su tutti i giornali, ho fatto un incidente e sono morte due persone”.

Brianna non aveva assunto né droghe,alcol. Strano, quindi, che si sia messa a sfrecciare con la sua auto, non fermandosi a un stop. Ora dovrà rispondere della morte di due persone. Ciò che fa rabbrividire è il fatto che la teenager si sia vantata sui social del fatto di aver ucciso due persone con la sua auto, una Honda blu. Il drammatico incidente è avvenuto a Lancaster, in California. La vettura guidata dalla Longoria è andata a schiantarsi contro una Toyota Corolla su cui viaggiavano due uomini, entrambi morti sul colpo. La 18enne e i suoi due amici, invece, sono stati portati in ospedale per ferite lievi. Gli investigatori stanno cercando di scoprire la ragione che ha portato Brianna a correre con la sua auto, oltrepassando i limiti di velocità, e a non fermarsi allo stop. Eppure non aveva bevuto e non si era drogata! Lo stile di vita di molti teenager è veramente preoccupante: principi, valori e rispetto del prossimo sono concetti astrusi per molti ragazzi. La Longoria non è ancora accusata di nessun reato.

L’episodio avvenuto in California testimonia non solo la freddezza di molti adolescenti ma anche il desiderio di postare subito sui social network i propri pensieri e azioni, anche deleterie. Non ha perso tempo, infatti, Brianna a sottolineare la sua soddisfazione per aver causato un incidente mortale. Si posta proprio di tutto sui social network: pensieri, parole, foto, video. C’è una sorta di mania del post. Ormai i giovani di oggi non possono fare a meno di stare sui social. Un sondaggio condotto recentemente su richiesta della Commissione europea ha permesso di scoprire che il 77% dei ragazzi tra i 13 e i 16 anni ha creato un profilo su almeno un social network. Inoltre, il 25% degli intervistati ha dichiarato di aver navigato su siti come Facebook con un profilo pubblico. Tutto ciò è veramente pericoloso per la privacy, anche perché spesso i ragazzi pubblicano il loro numero di telefono e indirizzo. Probabilmente anche la giovane Brianna Longoria è dipendente dai social network, visto che, dopo aver provocato la morte di due persone, si è subito recata a casa per gloriarsi su Facebook. Una brutta storia quella accaduta Lancaster: due uomini uccisi da una giovane scellerata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *