Querela ospedale per errore medico: suo nonno era primario

By | 17 gennaio 2018

Torino, anziana querela ospedale Mauriziano: non era stato primarioGiuseppina Barone, 80 anni, ha querelato l’ospedale Mauriziano di Torino per lesioni colpose aggravate. Alla donna non importa se il nonno, Antonio Carle, era stato primario della struttura sanitaria. Tra l’altro, a Carle è stata anche intitolata l’aula magna del nosocomio. La Barone ha incaricato il suo avvocato di querelare il Mauriziano perché, secondo lei, è stato commesso un errore medico. Giuseppina era malata di endocardite, ma i sanitari avrebbero confuso le vegetazioni dell’endocardite per calcificazioni.

Malore dopo le dimissioni

Il ricovero della Barone al Mauriziano risale allo scorso settembre. Aveva una polmonite ma i medici le avevano diagnosticato un’infezione da enterococco. La signora era stata sottoposta a una terapia antibiotica e a numerosi esami. Nessuno si sarebbe accorto dell’endocardite.

Ascesso nella valvola mitrale

L’anziana, dopo qualche mese dalle dimissioni, si era sentita nuovamente male. Era sempre quell’infezione. Invece di recarsi al Mauriziano, aveva preferito farsi visitare dai medici delle Molinette. Effettivamente, il personale di tale nosocomio aveva scoperto subito la gravità della situazione, sottoponendo Giuseppina a un intervento per sostituire la valvola aortica e mitrale. L’anziana poteva seriamente morire perché nella valvola mitrale c’era un ascesso.

Il personale sanitario del Mauriziano non sarebbe stato in grado di diagnosticare un’endocardite. Giuseppina Barone ha adito le vie legali perché quella disattenzione avrebbe potuto costargli la vita.

L’endocardite è un’infiammazione dell’endocardio, ovvero lo strano interno del cuore. In genere l’endocardite si sviluppa dopo un’infezione, perlopiù batterica. La patologia va curata subito e bene perché può compromettere le valvole cardiache e i tessuti del cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.