Ragazza posa con uno squalo morto

By | 4 aprile 2014

Un’adolescente si diverte a fare foto con uno squalo morto

Ragazza posa con uno squalo morto
Uno squalo di circa 3 m di lunghezza è stato ritrovato spiaggiato a Marcoola Beach, a Nord di Brisbane giovedì mattina, in Australia.
La spiaggia si trova fra le rotte più frequentate dagli squali durante le loro migrazioni e può darsi che le forti correnti facciano perdere agli squali il lolo senso dell’orientamento portandoli fino alla riva dove muoiono arenati.
E così hanno fatto il giro del mondo una serie di foto (quasi un book fotografico), che un’adolescente si è divertita a scattare, riprendendo lo squalo morto, persino sdraiandosi al suo fianco.
Per la cronaca si tratta di uno squalo ramato, che spesso abbocca all’amo di molti pescatori che praticano pesca da terra.
Per quanto lo squalo sia morto desta un po’ di scalpore vedere una ragazzina di quell’età che si approccia con tanta disinvoltura allo sfortunato animalo, scattando foto “simpatiche” da condividere su internet. Felice di aver ottenuto il suo momento di gloria, a spese di una carcassa, la ragazzina sembra aver messo da parte quel minimo rispetto che ancora dobbiamo alla natura, anche nei confronti di una specie pericolosa e terribile come uno squalo.
Ma le autorità costiere australiane si sono subito premurate ad ammonire la ragazzina. Non per la mancanza di rispetto, sta all’opinione pubblica decidere se è il caso oppure no, ma piuttosto per la leggerezza compiuta. Infatti nella sua euforia la ragazza non ha preso in considerazione che un pesce se ancora bagnato, come era il caso dello squalo ramato esposto al moto ondoso, potrebbe trovarsi in uno stato di morte apparente. L’acqua dunque avrebbe potuto mantenerlo ancora in vita per un po’ con gravi conseguenze per tutti coloro che si fossero avvicinati, ignari, alle sue mascelle.
Per fortuna non è questo il caso e la protagonista può mantenere intatta la sua fama e la sua vanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.