Ragazzo morto nel bagno del treno: ipotesi overdose

By | 4 marzo 2018

overdose-milano-bagno-trenoUn ventenne originario di Como è stato trovato morto nel bagno di un treno Trenord, presso la stazione Cadorna di Milano. Il macabro ritrovamento risale a questa mattina. Il ragazzo era salito su un treno della linea Saronno-Milano, diretto verso il capoluogo lombardo. Gli investigatori ritengono che la morte sia stata dovuta a un’overdose. Gli esami delle prossime ore permetteranno di avvalorare l’ipotesi degli inquirenti. Nuova tragedia sui binari. Stavolta però nessuno è stato investito da un treno. Ad uccidere il ragazzo di Como sarebbe stata la droga.

La dipendenza dalle droghe

Un risveglio inquietante a Milano. Nel bagno di un treno Trenord è stato scoperto il cadavere di un giovane. Gli investigatori si sono messi subito al lavoro per identificare la vittima. Un fatto triste, un fatto che riapre la discussione sul rapporto tra giovani e droghe. Sempre più giovani finiscono nella rete delle sostanze stupefacenti e muoiono. Morti evitabili, certo, ma la vita è dura, piena di insidie; basta poco per cadere in tentazione e finire nel tunnel della dipendenza dalle droghe.

La morte per overdose di Domenico Amato

Proprio 10 anni fa, il 24enne Domenico Amato, residente a Boscoreale (Napoli) venne trovato senza vita nel bagno di un treno diretto a Reggio. Anche lui venne stroncato da un’overdose, proprio come il ragazzo trovato senza vita alla stazione Cadorna di Milano. Furono alcuni addetti alle pulizie a scoprire il cadavere di Amato. I poliziotti, subito accorsi sul posto, notarono una siringa intatta vicino al cadavere. Tale circostanza fece ritenere agli investigatori che il decesso del ragazzo fosse attribuibile a un’overdose.

L’overdose di via George Orwell

La droga minaccia l’incolumità di molti lombardi. Lo dimostrano i fatti di cronaca. Tempo fa, nelle vicinanze del cosiddetto ‘Boschetto della droga di Rogoredo’ era stato scoperto il cadavere di un trentenne. Il corpo senza vita si trovava sotto un ponte, in via George Orwell. Sul luogo del triste ritrovamento erano accorsi sia i carabinieri che il personale del 118. Visita vana, visto che l’uomo era già morto. Per gli operatori sanitari il decesso era stato dovuto a un’intossicazione. In zona, comunque, sono morti diversi ragazzi per overdose. Il trentenne aveva ancora la siringa in mano e sulle braccia vari segni di puntura.

Drogarsi nel bagno del convoglio e morire

Aveva 38 invece l’uomo trovato senza vita, 2 anni fa, nel bagno di un treno regionale, a Portogruaro (Venezia). Anche lui era stato stroncato da un’overdose. Il 38enne era per terra, con accanto la siringa usata per iniettarsi la droga nelle vene. Il medico, subito accorso sul posto, non aveva potuto fare nient’altro che constatare la morte del tossicodipendente. I poliziotti, dopo alcune indagini, avevano scoperto che l’uomo proveniva da Bologna e probabilmente avrebbe dovuto prendere altri treni. Forse aveva acquistato eroina a Bologna ed aveva pensato di ‘farsi’ nel bagno del convoglio. Purtroppo in quel bagno ci è rimasto. La scoperta è stata fatta grazie a una passeggera che, nei pressi di Verona, aveva sentito il bisogno di recarsi in bagno. La porta però era chiusa. C’era qualcuno in quel bagno ma stranamente non usciva mai. La signora, così, aveva chiamato il capotreno e questo, dopo aver aperto la porta, aveva scoperto il 38enne per terra.

One thought on “Ragazzo morto nel bagno del treno: ipotesi overdose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.