Ragno violino uccide Massimiliano Stara, morte dopo sofferenze

By | 3 settembre 2017

Ragno Violino Stronca 45enne Sardo: 3 Mesi di AgoniaHa sofferto molto, negli ultimi 3 mesi, il 45enne Massimiliano Stara. Il dolore era stato provocato dalla punto di un ragno violino. All’inizio l’uomo non aveva dato peso a quella puntura, ma pian piano aveva iniziato a rendersi conto che il problema c’era. Quel ragno violino, aracnide molto pericoloso, aveva morso Massimiliano mentre stava lavorando a Capoterra (Cagliari) in un terreno. Il 45enne aveva sentito dolore ed era stato trasportato all’ospedale. Dopo le medicazioni, l’uomo sembrava essersi ripreso. Era un’illusione. Pian piano le sue condizioni erano peggiorate. Stara sentiva dolore, un’agonia durata 3 mesi e terminata nelle ultime ore. Quel ragno non gli dato scampo. Del resto, il morso del ragno violino provoca la necrosi dei tessuti dei muscoli e delle gambe. I medici del nosocomio sardo avevano subito capito che il 45enne era stato morso da un ragno violino perché sulla sua gamba si era formata una grossa bolla da cui fuoriusciva molto liquido.

Danni a reni, fegato e polmoni

Tanto dolore per un ragno violino. Massimiliano Stara ha perso la vita per un aracnide che, insieme all’argia, è uno dei più temibili in Sardegna. Essere punti dal ragno violino significa avere alte probabilità di vedersi compromessi reni, fegato e polmoni. Anche gli organi del 45enne sardo erano stati intaccati. Tanti gli sforzi dei medici per strapparlo alla morte ma alla fine Massimiliano non ce l’ha fatta. Ha lasciato amici e parenti. Insieme a quello della vedova nera mediterranea, il morso del ragno violino è veramente insidioso e può costare la vita.

loading...

Il ragno violino è facilmente riconoscibile per via della sua fisionomia: ha sei occhi e ha una macchia a forma di violino sul dorso. Il pericoloso aracnide si muove specialmente di notte perché detesta la luce.

Il calvario di Meghan Linsey

C’è chi, come la cantante Meghan Linsey, è sopravvissuto al morso di un ragno violino. L’artista ha vissuto momenti terribili ed ha voluto parlarne sui social e durante un’intervista rilasciata a People: ‘Sono solo contenta di essere ancora viva. Dopo essere stata morsa dal ragno, ogni giorno avevo qualcosa di nuovo. Stavo malissimo nonostante gli antibiotici’. E’ durato tutto nove giorni, poi è iniziata la necrosi del volto. L’aracnide non è solo il più pericoloso in Sardegna ma anche negli Usa. Lo sa bene la Linsey, che ancora ha sul corpo i segni di quella terribile esperienza. La popstar aveva raccontato di aver notato, al risveglio, un ragno morto sulla sua mano destra: probabilmente lo aveva schiacciato nel sonno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *