Rapporti ‘intimi’ nei giorni dell’occupazione: shock al liceo Virgilio di Roma

By | 17 novembre 2017

Due ragazzi consumano un rapporto ‘intimo’ all’interno del liceo ‘Virgilio’ di Roma, uno dei più prestigiosi della Capitale, e vengono ripresi. Il video, complice WhatsApp, diventa virale, viene visualizzato da tantissime persone, anche dei genitori dei giovani protagonisti. L’incontro ‘piccante’ sarebbe avvenuto durante i giorni dell’occupazione. Non si sa chi abbia ripreso i due ragazzi ma quello che è accaduto è molto grave e potrebbe portare guai con la giustizia a chi ha ripreso quella scena. I problemi che attanagliano lo storico liceo di via Giulia sono tanti; adesso ci si mettono anche i filmini ‘spinti’. Molti locali della struttura scolastica, durante l’occupazione dello scorso ottobre, erano stati danneggiati da ragazzi alcolizzati e drogati. Molti giovani hanno portato tanto degrado al Virgilio. Ora un ragazzo potrebbe essere denunciato per produzione e diffusione di materiale pedopornografico e per violenza privata, in quanto è stato lui a diffondere il filmato, mediante WhatsApp.

Genitori della ragazza pronti a denunciare

Quei ragazzi stavano consumando un rapporto ‘intimo’ nei locali del liceo ‘Virgilio’ e forse non immaginavano che qualcuno li stesse riprendendo. Non è escluso che la coppia di giovani amanti sia stata ricattata. Se così fosse, l’autore del video potrebbe rischiare una condanna pesante.

Oggi, un video e una foto diventano virali in un attimo grazie al web; purtroppo spesso vengono postati contenuti osceni, che non dovrebbero essere diffusi, specialmente se non c’è il consenso dei protagonisti di immagini e filmati.

I genitori della coppia di ragazzi immortalati, specialmente quelli della giovane, sono indispettiti e chiedono pene esemplari per il voyeur che ha registrato il video e l’ha diffuso. Non solo: il padre e la madre di lei vorrebbero denunciare l’episodio per l’avvio delle indagini.

Il caso del video ritraente due ragazzi che consumano un rapporto ‘intimo’ nei locali del Virgilio ricorda che, nei giorni dell’occupazione, lo storico liceo romano è stato convertito in una specie di postribolo.

Occupazione, al Virgilio, è sinonimo di sballo totale. Ne è cosciente la dirigente scolastica Carla Alfano, che si è dovuta rivolgere alla Polizia per evacuare il liceo. Uno sgombero doveroso per evitare incidenti o fatti tragici. Nei locali dell’istituto è girato di tutto, come droghe leggere e pesanti, e tanto alcol. E poi i danni. L’occupazione ha causato anche danni alle finestre e alle porte. Adesso chi paga? Dovrebbero, visto che viviamo in uno Stato democratico, sobbarcarsi i costi i genitori dei vandali.

Lo scoppio della bomba carta

Tra insulti, danni, sgomberi e restauri ci sono due ragazzi che, inconsapevolmente, sono diventati popolari per un incontro amoroso al Virgilio.

Proprio ieri, è scoppiata una bomba carta nel cortile del Virgilio durante la ricreazione. Ennesimo episodio che dimostra l’estrema agitazione presente nell’istituto. A segnalare il brutto episodio è stata la preside Alfano: ‘Anche ieri una bomba carta è esplosa durante la ricreazione. In entrambi i casi non siamo riusciti a risalire ai responsabili, il cortile era affollatissimo. Sono comunque in contatto con i carabinieri e farò una denuncia’.

La denuncia di Carla Alfano farà desistere i vandali del Virgilio? Non è meglio che il liceo venga presidiato giorno e notte dalle forze dell’ordine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *