Razzismo a Roma, anziana sputa a un immigrato: ‘Negro di m…’

By | 15 febbraio 2018

Roma-immigrato-aggredito-anzianaEpisodio di razzismo a Roma. Un immigrato è stato offeso pesantemente su un autobus della linea 106, che fa la spola tra Grotte Celoni e il Parco di Centocelle. Non appena salito sul mezzo pubblico, lo straniero sarebbe stato aggredito fisicamente e verbalmente dalla signora, sotto gli occhi degli altri passeggeri, che non hanno fatto nulla. Un’omertà nauseante. ‘Tornatene al tuo Paese, fai schifo’, avrebbe detto l’anziana all’immigrato mentre lo colpiva col suo ombrello. L’uomo sarebbe stato raggiunto anche da uno sputo.

Aggressione subita in zona Giardinetti

Il ragazzo di colore, lunedì scorso, ha immortalato col suo smartphone la scena di razzismo avvenuta sull’autobus, in zona Giardinetti. L’uomo ha ripreso tutto. Dal filmato non si capisce quando l’anziana abbia iniziato ad aggredire lo straniero e se sia stata istigata. Si sentono, però, parole del tipo: ‘Siete schifosi’.

Il protagonista dell’episodio di razzismo ha detto: ‘Sono sposato con una donna italiana, ho un figlio di 9 anni. Questa signora appena sono salito mi ha iniziato a insultare, mi ha dato del negro di m… e del ladro’. Di episodi di intolleranza verso persone che hanno un colore della pelle diverso dal proprio ne sono avvenuti tanti, negli ultimi mesi, nella Capitale. Roma è una città piena di contrapposizioni. C’è tanta voglia di aiutare il prossimo, i deboli e gli stranieri ma anche una forte componente xenofobica.

L’arresto di alcuni militanti di Forza Nuova

Arrestati a Roma, qualche mese fa, alcuni componenti di Forza Nuova, movimento di estrema destra, con l’accusa di incitamento all’odio razziale. Sembra che il movimento punti sui giovani. L’obiettivo del movimento di estrema destra, secondo l’accusa, è indottrinare i più piccoli all’odio verso gli stranieri. Alcuni genitori hanno raccontato agli inquirenti di aver visto i figli cambiare, rispettando solo il partito e i suoi responsabili.

Secondo i carabinieri del Ros, in una delle sedi romane di FN, quella di via Amulio, si attua ‘l’incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali e religiosi, nonché il ricorso alla violenza come mezzo di risoluzione delle controversie’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.