Real estate, acquistare e vivere su un’isola deserta

By | 10 gennaio 2014

Diventare proprietari di isole disabitate – la moda del Real Estate

Quanti di noi non hanno sognato almeno una volta di vivere solitari, a contatto con la natura, in uno splendida isola deserta nel pacifico?
Possibilmente circondati da alti arbusti prodighi di frutti e noci di cocco, con la fauna selvatica e una spiaggia privata senza turisti ficcanaso di mezzo.
Sicuramente sarebbe un toccasana per molti. La cosa paradossale è che acquistare isole disabitate, piccole, medie e grandi, è una pratica che negli Stati Uniti, in Germania e in altre parti del mondo va già di moda. Elemento ancor più paradossale, è che a dispetto di quanto si pensi non c’è neanche bisogno di essere miliardari.
Riflettendoci, l’acquisto di isole private è per molti anche un investimento. Dai multimilionari che sfruttano il terreno per trasformarlo in un resort di lusso, al privato che nella propria isola riesce a organizzarsi sfruttando la terra, i frutti, il pesce e gli animali per nutrirsene o commerciare.
Ma come posso acquistare un’isola e in cosa consiste il Real Estate?

Online esistono delle agenzie immobiliari molto speciali che consentono di acquistare isolotti sparsi in tutto il mondo, fornendovi regolare atto di proprietà che ve ne rende i padroni.
due fra i siti meglio strutturati, dove se non potete acquistare un’isola potete se non altra ammirarla, sono vladi-private-islands.de e privateislandsonline.com

In questi portali potrete visionare le isole deserte disponibili e filtrarle in base al prezzo o alla regione. Esistono atolli in mezzo al Pacifico, in Nord America, in Europa, Nuova Zelanda, Filippine e in qualsiasi parte del mondo. Personalmente, non potendo al momento mio malgrado acquistare un’isola e proclamarmi indiscusso sovrano, mi sono divertito a confrontare i prezzi e la qualità. Esistono isole come  Vava’u Hunga Island Ocean, nell’arcipelago delle isole Tonga, che costano circa 4000 euro. 900 metri quadrati di terra in 500 ettari di laguna nell’oceano Pacifico, a 12 km di navigazione dal primo centro abitato.
Tutto molto bello, a partire dal prezzo irrisorio, ma è sostanzialmente un pezzo di terra deserta – d’accordo, con una splendida vista mare – dove per poter vivere è necessario spendere molto di più, a cominciare dalla realizzazione di un sistema per l’acqua potabile.
Vavau
Può forse l’isola del Belize Alligator Caye Parcel, al modico prezzo di 80.000 euro, essere più appetibile?
La vegetazione sembra fittissima e l’isola è allo stato selvaggio. Pagando 80.000 euro avreste si un’isola di notevoli dimensioni tutta per voi, in mezzo all’oceano, ma vi ritrovereste comunque a fare i Robinson Crusoe, senza cibo, acqua e magari con insetti giganti.
AlligatorPer chi ha una manciata di milioni da investire, potrebbe invece essere interessante l’acquisto dell’isola Bandaa Dhidhoo, un paradiso fuori dal mondo nelle splendide Maldive. Il costo è di 6,000,000 di euro per la proprietà, ma realizzando una struttura in grado di accogliere i turisti si potrebbe mettere in moto un business niente male.

bandaa dhidhoo 1bandaa dhidhoo 2

Ciò che ho osservato è che per quanto affascinanti, molte di queste isole sono pezzi di terra sperduti nell’oceano dove con la nuda proprietà si rischia solamente di avere un giocattolo inutilizzabile. I prezzi lievitano notevolmente quando oltre all’isola desideriamo acquistare l’edificio (o gli edifici) che sono preesistenti. In sostanza, acquistiamo il terreno e tutto ciò che vi è stato sviluppato sopra: un porticciolo, una capanna, una casa, un albergo o un piccolo agglomerato di case.
Questo è il caso di Belden Island, Una splendida isola nel Connecticut, con pini, spiaggia e una pittoresca dimora in stile vittoriano arredata e comprendente soggiorno, sala da pranzo, quattro camere, due bagni e camino. Tutto a “soli”, si fa per dire, 3 milioni di euro.
BeldenPer chi invece non intende badare a spese, al costo di 12,114,915 euro, si trova in vendita Perot’s island. Questo pezzo di terra sulla baia di Riddell vanta diverse costruzioni. La residenza principale è una lussuosa villa su più piani, con sette camere da letto, ognuna delle quali dotata di bagno privato, salotto, anticamera, dependance, sala da pranzo, camere degli ospiti, camere per lo staff (qualora si decidesse di farne un resort), piscina, piscina per bambini, piscina coperta, campo da tennis, serra, parcheggio privato, spiaggia privata con pontile per l’ormeggio dei natanti, 200.000 galloni di serbatoio d’acqua e chi più ne ha più ne metta. Ah, il tutto naturalmente nello splendido mare delle bermuda.
perot's islandperot's islandPerot's island 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.