Riccardo Scamarcio in Ospedale per Malore: Dimesso dopo 3 Ore

By | 28 febbraio 2016

Riccardo Scamarcio: Malore in Austrada, RicoveratoMalore, ieri mattina, per Riccardo Scamarcio. L’attore si stava recando a Roma in auto ma, improvvisamente, si è sentito male ed ha detto all’autista di farsi portare all’ospedale di Cassino, in provincia di Frosinone

loading...

 

I fan del popolare attore hanno vissuto momenti di panico ma sono stati subito tranquillizzati dallo staff dell’attore che, a quanto pare, è stato dimesso dal nosocomio Santa Scolastica. Pare che l’attore, poi, si sia recato presso un ospedale romano per accertamenti. Il malore, secondo le ultime informazioni, sarebbe dovuto a stress e stanchezza. Sta lavorando molto, ultimamente, il protagonista di “Tre metri sopra il cielo” e la sua vita privata è alquanto turbolenta per via dei continui battibecchi con la sua storica compagna Valeria Golino. Sebbene i due attori abbiano più volte smentito le voci di crisi, molte riviste di gossip giurano che la relazione sia al capolinea.

Il rotocalco Novella2000, tempo fa, ha reso noto che tra Riccardo e Valeria è finita. Quest’ultima si sarebbe invaghita dell’attore e regista Vincent Cassel, ex marito dell’amica e collega Monica Bellucci. Molte riviste di gossip ritengono che la Golino sia stanca dei continui tradimenti del giovane compagno (Valeria è molto più grande di Riccardo) ed abbia deciso di troncare la relazione. Sarà vero? Fatto sta che, l’anno scorso, nel Comune di Andria (Puglia) vennero affisse le pubblicazioni di matrimonio tra Valeria Golino e Riccardo Scamarcio: le nozze, però, non sono mai state celebrate. Perché? A smentire i rumors sulla fine della relazione tra i due attori ci pensò Patrizia Cafiero, addetto stampa della coppia, che dichiarò all’ANSA:

“Valeria è appena tornata da Parigi, dove Riccardo sta girando Dalida di Lisa Azuelos, con Vincent Perez e Sveva Alviti. In tutti questi giorni sono stati a cena insieme spesso con altri amici e colleghi come Valeria Bruni Tedeschi e Louis Garrel”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *