Rimini: 16 anni di carcere per Butungu, autore degli stupri di agosto

By | 11 novembre 2017

Stupri Rimini, 16 anni per ButunguE’ arrivata la prima sentenza dei giudici riguardo agli stupri commessi a Rimini tra il 25 e il 26 agosto scorsi. Il tribunale di Rimini ha condannato a 16 anni di reclusione Guerlin Butungu, 20 anni, congolese che avrebbe stuprato sia una polacca che una transessuale peruviana a Miramare di Rimini. Il pm, nel corso del processo con rito abbreviato, aveva chiesto per Butungu una condanna a 14 anni e 2 mesi di carcere. La giustizia dunque è stata più rigorosa della pubblica accusa. Nel processo si sono costituite parti civili sia la trans peruviana e i 2 giovani polacchi che la Regione Emilia Romagna, il Comune di Rimini, l’associazione Butterfly anti violenza e anti stalking e l’Ausl Romagna. Gli investigatori e la giustizia ritengono che Butungu, il vertice del branco, lo scorso agosto aveva fatto passare momenti terribili alla polacca e alla peruviana. Per queste due è già stata disposta una provvisionale di 30.000 euro. Provvisionale di 20.000 euro, invece, per l’amico della polacca che era stato malmenato dal branco sull’arenile. Gli investigatori avevano subito scoperto e arrestato il congolese lo scorso 4 settembre. I 2 complici marocchini invece si erano consegnati alle forze dell’ordine.

Avvocato del congolese non si stupisce della condanna pesante

Guerlin Butungu, tra il 25 e il 26 agosto scorsi aveva intenzione, insieme ai 3 minorenni di divertirsi in maniera violenta. Aveva intenzione di violentare.

Il 20enne e i 3 minorenni, dopo aver parlato un po’ con la polacca e l’amico sulla spiaggia, erano diventati violenti. Avevano bloccato la ragazza, stuprandola a turno. L’amico, invece, picchiato brutalmente.

Malgrado il dolore e la vergogna, i polacchi avevano raccontato tutto alle forze dell’ordine, facendo così partire le indagini che hanno portato all’arresto di Butungu.

La pesante condanna inflitta al congolese non stupisce il suo avvocato, Mario Scarpa, che aveva affermato prima del ritiro dei magistrati in camera di consiglio: ‘La pena richiesta dal pm poteva essere anche più elevata’.

Maurizio Ghinelli, avvocato dei polacchi che difende anche il Comune di Rimini, ha affermato riguardo alla costituzione in giudizio come parte civile del Comune di Rimini: ‘Era necessario un riconoscimento almeno simbolico per il danno di immagine che ha subito la comunità, visto che si tratta di una nota località turistica’.

Butungu avrebbe la tubercolosi

Primo verdetto nel processo sugli stupri di Rimini. Il capo branco Butungu è stato condannato a 16 anni di reclusione. Il congolese, lo scorso settembre, era stato sottoposto ad alcuni esami sanitari grazie ai quali era stata scoperta la presenza della tubercolosi, patologia infettiva provocata da diversi ceppi di micobatteri.

Nulla è stato detto in merito alla malattia di Butungu, quindi se è contagiosa o meno. Se fosse contagiosa, infatti, si sarebbero dovute sottoporre a profilassi tutte le persone che erano state a contatto con lui.

Lo stupratore Butungu era in Italia da tempo ed aveva ottenuto un permesso di protezione umanitaria. Per scoprirlo ed arrestarlo, dopo gli stupri, gli investigatori avevano visionato anche i profili social dell’immigrato, da cui emergeva l’immagine di una persona amante del fitness e dei vestiti griffati. Le forze dell’ordine erano riuscite ad intercettare il congolese grazie al telefonino. In virtù di quel permesso di soggiorno, Guerlin sarebbe potuto restare in Italia fino al 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *