Rimini, stuprata davanti al marito: branco alcolizzato e drogato

By | 27 agosto 2017

Rimini, polacca violentata: marito derubatoGli uomini della Scientifica sono al lavoro per risalire ai quattro energumeni che, lo scorso 25 agosto 2017, hanno stuprato una donna polacca in spiaggia, davanti al marito, che è stato bloccato e malmenato. Le violenze sono state commesse vicino ai pedalò, al riparo dagli occhi indiscreti, a pochi metri dai bagni 130 a Miramare. Secondo le ultime informazioni, dopo aver stuprato la polacca e picchiato e derubato il marito, il branco avrebbe violentato anche un transessuale, poi lasciato sulla strada, sotto choc. La Questura, soffermandosi sugli stupratori, ha parlato di persone che avevano probabilmente bevuto molto alcol e assunto droghe. Sul luogo dello stupro sono rimasti solo una bottiglia di birra, un paio d’infradito, biancheria e pantaloncini. Gli uomini della Scientifica operano alacremente per risalire ed arrestare i 4 violentatori, perché hanno fatto vivere momenti ‘infernali’ a diverse persone. Forse la polacca e il marito non dimenticheranno mai quegli attimi.

Episodio bestiale

Alcuni rappresentanti del Comune di Rimini hanno parlato di ‘episodio gravissimo che sconvolge per la sua brutalità e bestialità’. Lo stupro in spiaggia, a Rimini, ha sconvolto bagnanti, turisti e cittadini, che ora si sentono meno sicuri. Le forze dell’ordine stanno vagliando le immagini contenute nelle telecamere di sorveglianza vicino al luogo dello stupro. Lo scopo è risalire al branco o, quantomeno, reperire informazioni importanti per scovarlo. Per ora si sa solo che gli stupratori erano 4. Non si sa nulla, invece, della loro nazionalità. L’amministrazione comunale ha subito espresso la sua vicinanza alla polacca e al marito, rendendosi disponibile ad aiutarli e sostenerli in ogni modo. Il primo cittadino, inoltre, è in contatto con la Questura ed invita tutti quelli che sanno qualcosa della vicenda a farsi avanti e parlare. Anche un elemento che, a prima vista, può sembrare irrilevante per gli investigatori potrebbe essere fondamentale per la risoluzione del caso.

Rimini: spiagge sicure?

Il questore ha detto nelle ultime ore: ‘Gli autori dello stupro erano, spero di non essere smentito dalle indagini, reduci da una notte di sballo, con abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti’.

A Rimini, purtroppo, sono stati commessi vari stupri negli ultimi anni. Il nauseante episodio avvenuto nelle ultime ore rievoca quello di un paio di anni fa, quando una ventenne venne violentata in spiaggia da un senegalese 27enne con permesso di soggiorno. Sempre quel giorno, una 27enne rimase vittima di un tentato stupro. Un marocchino 39enne la bloccò e cercò di stuprarla; la ragazza, però, riuscì a svincolarsi e fuggire, denunciando l’accaduto alle forze dell’ordine. Il nordafricano venne messo in manette per tentato stupro. Non c’è più pace sulle spiagge di Rimini. La sicurezza, certe volte, sembra latitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.