Risse nei locali milanesi, il pugno duro del Questore

By | 27 maggio 2017

Milano, locali chiusi dal QuestoreIl Questore di Milano, Marcello Cardona, ha disposto la chiusura di 5 locali perché, al loro interno, si erano registrati episodi violenti, come spaccio di droga e risse. Tra i locali colpiti dal provvedimento anche un bar, che resterà chiuso per 20 giorni. In tale locale, una rissa tra clienti costò il ferimento di due ragazzi, di cui uno venne condotto in ospedale in condizioni molto preoccupanti.

Chiuso anche un kebab

Le risse e lo spaccio rappresentano una brutta piaga italiana. Tali episodi si verificano spesso in locali come bar e discoteche. Ne è convinto anche il Questore di Milano, che nelle ultime ore ha ordinato la chiusura di 5 locali. In uno di questi, lo scorso 27 marzo 2017, un buttafuori cubano era diventato furioso alla vista dell’ex fidanzata con un altro uomo. All’improvviso l’ha aggredita e obbligata a seguirlo a casa sua, dove l’ha violentata. Resterà chiuso per 15 giorni, invece, un kebab. Sospesa per 7 giorni l’attività di una sala giochi dove, a quanto pare, si spacciava droga.

Tra i locali di Milano che resteranno chiusi ricordiano il Sio Cafè di via Pirelli, il Pelledoca di viale Forlanini, e l’Amaranta Club di viale De Ruggero. Risse e spaccio in numerosi locali milanesi e italiani. Lo scorso aprile, a Roma, il Questore adottò provvedimenti simili a quelli presi nelle ultime ore da Cardona, a Milano. La chiusura di diversi locali romani, ubicati in quartieri come Garbatella ed Eur, fu determinata dalla necessità di tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica.

Uno dei locali chiusi a Roma, alla Garbatella, è un pub frequentato da diversi malavitosi della zona. A marzo, davanti a tale locale, scoppiò una rissa che costò gravi ferite a diversi avventori. Chiuso anche un bar in zona Talenti, dove un cliente molesto si era messo a discutere vivacemente con il titolare. A un certo punto l’avventore uscì, per poi tornare con una pistola, con cui sparò vari colpi colpi contro la vetrina. Il titolare e un dipendente del bar rimasero illesi.

Milano: il ricordo dei militari feriti alla Stazione Centrale

Italiani e stranieri si rendono spesso protagonisti di episodi veramente nauseanti a Milano. Alla fine di aprile, un carabiniere e un militare impegnato nell’operazione ‘Strade sicure’ rimasero feriti mentre cercavano di domare una rissa davanti alla Stazione Centrale. In zona bivaccano solitamente molti extracomunitari. Sembra che tanti migranti, successivamente, abbiano iniziato a scagliare tante bottigliette e pezzi di carta contro le vetture dei carabinieri.

L’episodio avvenuto dinanzi alla Stazione Centrale di Milano, alla fine di aprile, fece trasalire molti politici, specialmente i membri della Lega Nord. Luca Lepore, consigliere del Municipio 2, ad esempio, scrisse su Facebook: ‘Ennesima scena da Far West accanto al presidio dei militari scene di ordinaria follia che raccontano il quotidiano degrado a cui la nostra città è abbandonata’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.