Cronaca

Roma, autobus Atac travolge e uccide pedone: autista scioccato

roma-autobus-atac-piazza-risorgimentoUn pedone è stato investito e ucciso da un autobus Atac. E’ successo nei pressi di Piazza Risorgimento, a Roma. Si è trattato di un incidente. L’autista dell’autobus della linea 590 non si è accorto di nulla. Gli investigatori, subito accorsi sul luogo dell’incidente, hanno avviato gli accertamenti per ricostruire l’esatta dinamica dell’episodio. Al lavoro, in primis, gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale. I vigili del fuoco hanno faticato non poco per estrarre l’uomo dal mezzo pesante. La vittima era rimasta intrappolata tra le ruote dell’autobus.

Autista ricoverato al Santo Spirito

In base a una prima ricostruzione, l’uomo è stato investito dall’autobus Atac mentre attraversava la strada, davanti alla corsia dove stazionava il mezzo pesante. La vittima è stata trascinata per una quindicina di metri. L’autista non si è reso conto di nulla. Quando ha appreso di aver travolto e ucciso il pedone è stato colto da un malore. Adesso si trova all’ospedale Santo Spirito. Il corpo del pedone è stato letteralmente squartato dal bus.

Il drammatico episodio è avvenuto ieri sera, verso le 21. L’autobus della linea 590 permette di raggiungere Cinecittà dal Vaticano. E viceversa. La vittima rimasta intrappolata sotto le ruote posteriori dell’autobus, sul lato destro, non è stata ancora identificata. Per sollevare il mezzo si sono resi necessari un’autogru e un carro di sollevamento. Sul posto sono arrivati 3 mezzi dei vigili del fuoco.

Tragedia vicino al capolinea

Secondo una prima ricostruzione dei vigili urbani, l’uomo è stato travolto nei pressi del capolinea. L’autobus stava facendo una manovra ed ha abbordato la vittima, trascinandola per 15 metri. L’uomo è stato dilaniato dalle ruote e dal peso dell’autobus.

L’autista, 45 anni, quando è sceso ha avuto un mancamento ed è stato subito trasportato all’ospedale. I medici l’hanno sottoposto all’alcoltest e al drug test. Non era assolutamente sua intenzione investire il pedone. Non si è accorto di nulla.

‘Non ho visto quella persona, non so come sia potuto succedere’, ha affermato più volte l’autista agli agenti della Polizia locale. La vittima è stata coperta con un lenzuolo bianco. Gli investigatori hanno notato che un lampione vicino al luogo dove è avvenuta la tragedia è spento. Un elemento interessante, che potrebbe rivelarsi utile per ricostruire l’esatta dinamica della vicenda.

I pedoni romani uccisi dagli autobus

Un altro autobus che uccide un pedone a Roma. L’anno scorso era accaduto uno episodio simile in via Nomentana. A perdere la vita era stato un anziano. L’autista aveva detto agli agenti della Polizia locale di non essersi accorto di nulla. Tale giustificazione non gli aveva evitato l’iscrizione nel registro degli indagati per omicidio stradale. Quell’autobus, effettivamente, non si era fermato dopo aver investito l’anziano. Gli investigatori l’avevano rintracciato dopo aver monitorato gli autobus transitati in quella zona quando era accaduto l’incidente. I vigili avevano notato alcune tracce sulle ruote e il calco della mano della vittima sulla fiancata dell’autobus.

A differenza dall’incidente avvenuto ieri a Piazza Risorgimento, la vittima della Nomentana era caduta accidentalmente e poi travolta dall’autobus Atac, che però aveva continuato la sua corsa. L’anziano, 79 anni, era deceduto sul colpo polizia locale. Importanti per risalire al bus erano stati anche i filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza. Ad accorgersi dell’anziano per terra era stato un automobilista.

Autobus che travolgono pedoni e non si fermano. Ieri il mezzo non ha continuato la sua corsa. L’autista è sceso subito e si è sentito male. Nel 2015, sempre a Roma, il 20enne Alessandro era stato investito e ucciso da un autobus a piazza Venezia. Era notte. Anche in tal caso, l’autista non si era accorto di niente

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.