Roma, crollano 3 piani palazzo Lungotevere Flaminio: nessun ferito

By | 22 gennaio 2016

Roma, 3 piani cedono sul Lungotevere FlaminioMomenti di panico a Roma, dove la scorsa notte sono letteralmente crollati 3 piani di un edificio sul Lungotevere Flaminio, non distante dal Teatro Olimpico

 

loading...

I vigili del fuoco hanno detto che il cedimento non ha causato né vittime né feriti, visto che il palazzo era stato evacuato dopo che un residente aveva avvisato i pompieri delle precarie condizioni del quinto, sesto e settimo piano.

Tre piani, dunque, hanno ceduto a Roma, precisamente al civico 70 del Lungotevere Flaminio. Poteva accadere una tragedia, invece la tempestiva segnalazione di un residente, arrivata ai pompieri poco dopo la mezzanotte, ha evitato il peggio.

Nel centro di Roma, gran parte degli edifici hanno molti anni di vita sulle spalle e devono essere ristrutturati: molti già sono stati sottoposti ad interventi di ristrutturazione; altri no. In quest’ultimo caso, i rischi di cedimenti sono elevati. Le persone che vivono in palazzi vecchi e malconci devono accordarsi per un restyling della struttura, altrimenti potrebbero verificarsi episodi come quello avvenuto le scorse ore a Roma.

Purtroppo in Italia molti crolli, improvvisi e violenti, hanno generato molte tragedie. Ci sono edifici ammalorati che necessitano di interventi immediati perché rappresentano un serio pericolo per la collettività. A Gorgonzola, ad esempio, si richiede l’esproprio di un vecchio edificio, transennato da tempo, di cui non si conoscono neanche i proprietari. Prima delle festività natalizie, il consigliere di Progetto Gorgonzola, Walter Baldi, aveva detto:

“C’è pericolo, e qui le cose vanno troppo per le lunghe. Il Comune si faccia subito carico della situazione”.

E’ vero, qualcuno deve farsi carico della situazione, a Gorgonzola così come in tutti i Comuni italiani dove si trovano stabili in pessime condizioni. Edifici vecchi e deteriorati vanno messi in sicurezza e ristrutturati: è troppo alto il rischio che adulti o bimbi si facciano male. Le autorità devono sempre ricordarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *