Roma, spinta sui binari da uno psicolabile: ‘Me lo ha detto Dio’

By | 27 gennaio 2018

Peruviana spinta sui binari: arrestato psicolabile italianoLa peruviana che ieri è finita sui binari della stazione Eur Fermi della metropolitana B di Roma è stata spinta. Nelle ultime ore, è stato fermato l’uomo che avrebbe spintonato la donna sui binari poco prima del passaggio del convoglio. La straniera ha riportato l’amputazione di un braccio. ‘Ho sentito delle voci… Me lo ha detto Dio’, avrebbe detto l’uomo agli agenti che, la scorsa notte, lo conducevano in Questura. Ovviamente l’uomo ha problemi di mente. I poliziotti lo hanno arrestato nella sua casa, dove viveva con la madre. Quando ha visto gli agenti, lo psicolabile ha iniziato a proferire parole senza senso.

Accusato di tentato omicidio

Le persone che conoscono l’arrestato, 47 anni, parlano di una persona che, in passato, non si era mai mostrata violenta. Ora l’uomo è accusato di tentato omicidio.

La peruviana e il 47enne non si erano mai incrociati. Non si conoscevano. Eppure qualcosa, poco prima dell’arrivo treno, alla stazione Eur Fermi, ha invogliato l’italiano a spingere la straniera sui binari. Il gesto sconsiderato è costato l’amputazione del braccio alla peruviana.

Medici hanno cercato di riattaccare l’arto alla peruviana

Le forze dell’ordine sono riuscite ad identificare l’aggressore grazie ai filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza della stazione. I video ritraggono l’uomo che spinge la peruviana. Non ci sono dubbi.

Le condizioni della straniera sono gravi: ha riportato non solo l’amputazione dell’avambraccio sinistro e della mano ma anche diverse fratture e la perdita di una parte di cuoio capelluto. I medici l’hanno sottoposta a un delicato intervento chirurgico di vascolarizzazione per bloccare le emorragie interne.

Il personale sanitario dell’ospedale ‘San Camillo’ di Roma ha cercato di riattaccare l’arto alla donna ma il tentativo è stato vano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.