Rossella Regina ‘horror mermaid’ secondo la MUA Cristina Massimiliani

By | 31 ottobre 2016

Se quest’estate il mermaid look, ovvero il look da sirena, ha spopolato non poco, non sarà difficile ipotizzare che anche Halloween risulterà un palcoscenico utile per il medesimo trend, naturalmente rivisitato in stile  ‘festa della zucca’, dunque horror o zombie mermaid, alias una sirena dell’orrore. Almeno è questa la tesi della MUA Cristina Massimiliani che negli ultimi giorni  ha messo a punto la sua personalissima interpretazione della creatura marina in chiave horror con una testimonial d’eccezione, Rossella Regina, non nuova a collaborazioni con la truccatrice.

Nuovo progetto per la cantante-showgirl, alle prese con Halloween

Pigmenti in polvere, glitter, paillettes, protesi, lattice, mastice teatrale, sangue artificiale… un maquillage complesso, ma dai risultati strepitosi, a vedere gli scatti realizzati dall’obiettivo di Marco Viola, in arte ZAC, alla prima collaborazione con la soubrette.

“Quando Cristina mi ha proposto il suo progetto – ha commentato Rossella, reduce da un rendez-vous teatrale nel milanese con gli ex colleghi di Italia’s Got talent dal titolo ‘Il Talent a Teatro’ – per la prima volta, devo dire, ho fatto fatica a prefigurarmi il risultato – ci confessa – Io, una sirena e in più horror? Secondo me  avremmo raggiunto gli stessi risultati anche nel momento in cui Cristina avesse semplicemente tentato di realizzare una sirena comune  – chiude comicamente Rossella, come nel suo genere”.

Le foto rappresentano delle vere opere d’arte

Blu elettrico, verde smeraldo, verde acqua, pluri-viola, fucsia ciclamino: un’esplosione cromatica esaltata dalle applicazioni di glitter e paillettes, oltre che dagli effetti speciali, che il sapiente zoom del giovane ZAC (ai secoli Marco Viola) ha saputo brillantemente cogliere rendendo gli scatti risultanti delle vere e proprie piccole opere d’arte.

Non resta, dunque, che attendere il prossimo progetto della Diva calabro-bolognese che non mancherà di riservare interessanti sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.