Cronaca

Scabbia nella scuola dell’infanzia: controllare pelle dei bimbi

Scabbia a scuola: decimo caso a MilanoScabbia in una scuola italiana. Niente allarmismi, però, almeno stando a quanto riferito dalle autorità sanitarie. Il caso di scabbia si è registrato a Milano, nella scuola dell’infanzia comunale di via Rovetta. E’ il decimo caso, dall’inizio del 2018, rilevato nel capoluogo lombardo. Sia l’Agenzia per la tutela della salute di Milano che l’asilo esortano la famiglie a non allarmarsi e, piuttosto, controllare spesso la pelle dei piccoli. L’apprensione è ingiustificata.

La lettera dell’Ats alle famiglie

Il personale dell’Ats ha spedito ai genitori dei piccoli che frequentano la scuola dell’infanzia di via Rovetta una lettera con cui vengono sollecitati a esaminare la pelle dei piccoli fino al 10 marzo e correre ai ripari solamente in presenza di piccole vesciche sui gomiti, tra le dita, sui polsi o vicino all’inguine.

‘La scabbia è una malattia della pelle provocata da un piccolissimo insetto non visibile a occhio nudo che si chiama acaro. Può essere trasmessa per contatto stretto e prolungato con la pelle. Il sintomo principale è il prurito intenso, soprattutto notturno’, sottolineano gli esperti nella missiva.

Acari e uova vanno eliminati

Quando si constata l’infezione da scabbia bisogna in primis eliminare dalla pelle tutti gli acari e le uova, nonché lenire l’intenso prurito. Determinante, inoltre, sanare gli ambienti domestici e lavare accuratamente abiti, lenzuola e  coperte del paziente.

In genere, per curare la scabbia vengono usati sia farmaci ad uso sistemico che topico. I medici, in genere, prescrivono ai pazienti anche medicinali per alleviare il prurito che, raramente, scompare dopo il contrasto dell’acaro responsabile. Non di rado vengono prescritti antibiotici specifici.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.