Cronaca

Scampia, bimba rom esanime in auto: ferita sulla fronte

Scampia, bimba rom trovata senza sensi in autoE’ mistero, a Napoli, sulla morte di una bimba rom di tre anni trovata esanime in un’auto. La piccola, secondo quanto trapelato nelle ultime ore, viveva nel campo rom del rione Scampia. Non si sa ancora come ha fatto, la piccola, ad entrare nella macchina. Non è escluso che ce l’abbia messa qualcuno. Fatto sta che il caldo estremo si è rivelato fatale per la bambina, arrivata ormai moribonda all’ospedale San Paolo di Napoli. A condurla all’ospedale sono stati la madre e lo zio. I sanitari, purtroppo, hanno potuto fare ben poco. Le condizioni della minore erano gravissime. Sulla vicenda indaga la Polizia di Scampia che, in queste ore, sta interrogando la madre, lo zio ed altri familiari della vittima.

Poliziotti sospettosi per quel taglio sulla fronte

Gli investigatori hanno notato una piccola lesione sulla fronte della bimba rom trovata in auto, nelle ultime ore, a Scampia. Un dettaglio che incuriosisce gli agenti. Come ha fatto, la minore, a procurarsi quel taglio sulla fronte? Nelle prossime ore dovrà essere valutata la veridicità delle dichiarazioni della madre della bambina. La donna ha affermato di aver trovato la piccola senza vita nell’abitacolo della vettura. Gli inquirenti non escludono che la bimba, dopo essersi procurata la ferita si sia introdotta nella vettura per la paura e, complice il caldo, abbia perso i sensi o si sia appisolata. Tutte circostanze che dovranno essere verificate dagli uomini del Commissariato di Scampia. L’unica cosa certa, finora, è che il personale sanitario dell’ospedale San Paolo di Napoli non ha potuto fare nulla per salvare la vita della bimba rom. Aveva trascorso troppo tempo in quell’auto, dove la temperatura aveva raggiunto livelli letali.

Dai primi accertamenti è emerso che la macchina in cui si era rifugiata la minorenne rom non era chiusa né dall’esterno, né dall’interno. Dramma a Scampia, nel campo rom di Cupa Perillo. Il corpo esanime di una bimba di tre anni in un’auto ha sconcertato tutti. Il corpicino senza sensi si trovava su un sedile anteriore. L’ipotesi più accreditata è quella dell’asfissia. Gli investigatori, comunque, dovranno fare luce su vari dettagli, come la ferita sulla fronte. A cercare di scoprire le cause della morte della bimba, comunque, saranno nelle prossime ore i medici del nosocomio San Paolo di Napoli.

Nessuna ipotesi è esclusa

Quella ferita sulla fronte suscita sospetti. La piccola se l’è procurata da sola o qualcuno l’ha colpita? Non si esclude nessuna ipotesi attualmente. Per tale ragione, i poliziotti stanno sentendo tutti i parenti della minorenne. Tutta gente che vive nel campo nomadi di Scampia.

La madre della piccola ha rivelato agli investigatori che si era allontanata dal campo nomadi per un po’; al ritorno non aveva trovato la figlia e, dunque, si era messa a cercarla. Dopo ore di ricerche, è stata trovata, incosciente, nell’auto del nonno. Subito, la donna è corsa all’ospedale San Paolo, ma tutto è stato vano. I medici non hanno potuto salvare la ragazzina. L’obiettivo dei poliziotti, adesso, è ricostruire la dinamica del tragico episodio e fare chiarezza specialmente sul periodo antecedente al decesso della bambina rom. Si vuole capire se la minorenne sia entrata autonomamente nella vettura o no.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.