Scandalo Sanità Lombarda: Braccio Destro Maroni Arrestato per Corruzione

By | 17 febbraio 2016

Sanità Lombardia: Rizzi ArrestatoLega Nord nei guai dopo l’arresto di Fabio Rizzi, stretto governatore di Roberto Maroni, governatore della Lombardia. Pd e M5S chiedono immediate dimissioni dell’attuale presidente della Regione Lombardia

 

Nell’ambito dell’operazione ribattezzata ‘Smile’ sono stati arrestate 21 persone, tra cui Rizzi, per reati pesanti, ovvero turbativa d’asta, associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e riciclaggio.

Una combriccola di imprenditori, in sostanza, corrompeva alti funzionari lombardi per l’affidamento della gestione di servizi odontoiatrici affidati all’estero. Fabio Rizzi, consigliere regionale leghista e presidente della Commissione Sanità, è ritenuto da molti un soggetto in cui Maroni ripone molta fiducia.

Finita in manette anche la consorte di Rizzi. Le forze dell’ordine, nelle ultime ore, hanno perquisito sia l’abitazione del consigliere regionale che il suo ufficio per scoprire elementi utili ai fini delle indagini. Gli investigatori hanno scoperto molti episodi corruttivi nella sanità lombarda: gli appalti pubblici indetti da aziende ospedaliere lombardi venivano pilotati e assegnati sempre a certi soggetti che, a quanto pare, manovravano anche diverse procedure di contrattazione con note strutture sanitarie private.

Maroni sembra cadere dalle nuvole, dicendosi “incazzato, stupito e tanto deluso” nel corso di una conferenza stampa:

“Fermo restando la presunzione di innocenza e la fiducia nella magistratura, il mio primo sentimento è di stupore e di grande delusione se le accuse fossero confermate. Non vogliamo coprire nessuno, non abbiamo nessuno da difendere, chiunque abbia sbagliato mi risponderà… La Regione Lombardia è parte offesa”.

Lo scandalo ha fatto subito alzare un grosso polverone. I primi a chiedere le immediate dimissioni di Maroni sono stati i grillini. Il deputato  Di Battista ha detto:

loading...

“Quale differenza c’è tra Maroni e Marino? Soltanto una vocale. Salvini, che fu il secondo, dopo di noi, a chiedere le dimissioni del sindaco di Roma ora chieda quelle di Maroni. In affittopoli romana e milanese c’è sempre di mezzo un partito. Ora sembra che Mantovani stia parlando, speriamo. Cosa deve accadere di più per andare ad elezioni anticipate in Lombardia?”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *