Animali

Scoperta Monna Lisa dei dinosauri: fossile conservato perfettamente

Canada, scoperta la 'Monna Lisa dei dinosauri'Ogni giorno, paleontologi ed esperti lavorano alacremente per fare scoperte sensazionali, come quella fatta recentemente in Canada, dove è stato rinvenuto il fossile di dinosauro meglio conservato del pianeta. Dell’importante scoperta, fatta da diversi paleontologi del Royal Tyrrell Museum,  si parla abbondantemente sul magazine Current Biology. I resti trovati in Canada appartengono a un nodosauro vissuto circa 110 milioni di anni fa, appartenente alla nuova specie Borealopelta markmitchelli, dal nome del ricercatore che ha contribuito alla sua scoperta. Caleb Brown, uno degli autori della ricerca ha dichiarato che la scoperta è veramente eccezionale perché quel fossile è ‘completamente ricoperto di pelle ben conservata in 3 dimensioni, e questo ha fatto mantenere la forma originale dell’animale. E’ uno degli esemplari più belli e meglio conservati’. Proprio per la sua straordinaria bellezza, il fossile è stato ribattezzato ‘Monna Lisa dei dinosauri’. Il nodosauro fu un erbivoro dotato di una grossa corazza lungo 5,5 metri e con un peso di 1,5 tonnellate. Visse nel Cretaceo e si distinse per la sua straordinaria prestanza, pari a quella di un carro armato. Quella corazza iridescente, secondo gli studiosi, serviva all’animale a difendersi dai dinosauri carnivori. Il nodosauro si camuffava bene e, quindi, sfuggiva alle incursioni dei temibili predatori del Cretaceo.

La strana pelle della ‘Monna Lisa dei dinosauri’

Straordinaria scoperta in Canada. Un fossile di dinosauro così ben conservato non era mai stato trovato. Merito di un’equipe di paleontologi e, soprattutto dell’esperto Mark Mitchell. I paleontologi hanno notato subito la strana pelle della ‘Monna Lisa dei dinosauri’: il colore del derma era rosso e marrone. Una colorazione che permetteva al grosso nodosauro di fuggire ai predatori carnivori. Un operaio che lavorava nella miniera Suncor Millenium dello Stato di Alberta era rimasto incuriosito alla vista di alcune rocce e subito aveva allertato i paleontologi. Aveva fatto bene ad allarmarsi, perché c’era uno straordinario fossile di dinosauro presente sulla Terra circa 110 milioni di anni fa.

Mark Mitchell e i suoi colleghi hanno impiegato oltre 5 anni per ripulire il fossile di dinosauro, ovvero asportare tutta la terra attorno. L’artefice della scoperta della ‘Monna Lisa dei dinosauri’ è certamente Mitchell e non è un caso che la nuova specie, la Borealopelta markmitchelli, sia stata dedicata proprio a lui. Era il minimo. Mark e gli altri paleontologi hanno passato oltre 7.000 ore a rimuovere la terra attorno al fossile meglio conservato al mondo. Ciò che connotava maggiormente tale nodosauro era senza dubbio la corazza, che lo faceva sembrare un drago più che un dinosauro.

Nodosauro minacciato dai grossi predatori del Cretaceo

‘Il miglior dinosauro corazzato mai trovato e uno dei migliori fossili di dinosauro mai trovati al mondo’. Così Current Biology ha descritto la scoperta fatta in Canada da un team di paleontologi diretti da Mitchell. Secondo le prime indiscrezioni, la parte ritrovata si estende dal volto alle anche. A differenza della maggioranza di esemplari di dinosauri ritrovati finora, la ‘Monna Lisa dei dinosauri’ è come se fosse tridimensionale: ha ancora uno strato di pelle. Solitamente, i paleontologi trovano scheletri o frammenti ossei dei grossi animali esistiti sulla Terra tanti milioni di anni fa.

Attraverso lo studio accurato della sua pelle, i paleontologi hanno scoperto che il grosso nodosauro, sebbene grosso (sembrava un serbatoio con le gambe) fosse costantemente minacciato dai predatori carnivori. Le indagini su tale animale continuano. In particolare, i ricercatori stanno cercando di scoprire gli ultimi alimenti consumati dalla ‘Monna Lisa dei dinosauri’.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.