Seedorf trascina il Milan in tribunale

By | 17 settembre 2014

Seedorf non rinuncia al suo ingaggio

Seedorf
Seedorf non intende lasciare la propria parte di ingaggio al Milan, dopo la breve e amara perentesi da allenatore della scorsa stagione. Una parentesi così negativa che sembra aver rovinato per sempre i buoni rapporti tra il giocatore e la società rossonera, rapporti felici che andavano avanti per anni.
Clarence Seedorf ha un contratto che lo lega ancora al Milan fino al 2016, la paga annua è per l’ex calciatore di 2,5 milioni di euro, il che vuol dire che il Milan dovrà sborsarne 5 lordi all’anno. Dopo essere stato allontanato dalla panchina dalla società Seedorf ha deciso di non voler rinunciare nemmeno ad un centesimo dell’ingaggio pattuito e per farlo si è affidato Tiziano Treu, ex ministro delle finanze.

Seedorf era arrivato a Milano a gennaio dell’anno scorso lasciando il Brasile, dove ancora giocava, per cercare di risollevare la sua ex squadra da una situazione davvero negativa. Il rischio era alto, il Milan non andava affatto bene in campionato e le vittorie erano un miraggio lontano.
Clarence Seedorf, molto legato dopo gli anni passati ad indossare la maglia rossonera, aveva rischiato la sua nascente carriera da allenatore addossandosi una squadra in stato disastroso. Ora non ritiene corretto il modo in cui il Milan lo ha scaricato dopo pochi mesi e intende prendersi la propria vendetta.

Category: News Sport

About Pamela Tela

Scrivo news giornaliere scegliendo quelle più interessanti per i lettori, amante del cinema e dei libri. Mi piace leggere e a volte anche correre :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.