Curiosità

Senatore introduce una bomba in Parlamento

Senatore introduce una bomba in Parlamento a Canberra

Senatore introduce una bomba in Parlamento
Il senatore australiano Bill Heffernan, rappresentante del Partito Liberale, stava facendo il suo intervento in senato sulle misure di sicurezza prese dalla vigilanza per difendere il Parlamento, che ha sede nella capitale Canberra.
E per dare maggiore enfasi al suo discorso ha improvvisamente tirato fuori da un sacchetto di plastica una bomba finta e diversi candelotti di dinamite tenuti insieme con del nastro adesivo, che come ha spiegato lui stesso ha usato per far saltare alcuni tronchi d’albero in una fattoria.
I suoi colleghi si sono presto allarmati e preoccupati per l’atto forte commesso da Bill Hefferman, ma in realtà l’ordigno era finto, solo che Hefferman non si era premurato di avvisare gli altri senatori.
Bill Hefferman, di 71 anni, è infatti un ex contadino e conosce bene alcuni ordigni che in Australia vengono comunemente utilizzati in agricoltura.
Bill Heffernan è un membro del Comitato di Finanza e Pubblica Amministrazione per la legislazione, e non è la prima volta che impugna una battaglia sui sistemi di sicurezza adottati dalle forze dell’ordine australiane. Egli già qualche tempo fa si rese famoso alle cronache per un’aspra querelle avuta con il Commissario australiano di polizia federale, Tony Negus, sulle forze di polizia di routine e nelle strade ed in generale sui problemi di sicurezza pubblica.
Ma Tony Negus ha dichiarato che Bill Hefferman aveva preventivamente avvisato il capo della sicurezza al parlamento che avrebbe introdotto un ordigno finto, e proprio per questo motivo non è stato bloccato.
“Sapevo per certo che la bomba era finta”. Ha ammesso tranquillamente Tony Negus.
Ma mentre Tony Negus era al corrente dell’azione di Bill Hefferman il resto dei senatori non era stato avvertito. Da qui il loro stupore ed anche la paura da parte di qualcuno che l’ordigno potesse essere utilizzato dal collega per compiere qualche attentato direttamente nel cuore del governo australiano.
“Spero solo che non stai facendo niente di illegale”, ha detto il presidente della commissione Ian Macdonald Heffernan a Bill Hefferman durante la sua dimostrazione.
La settimana precedente, in pratica tutti quelli che lavorano in Parlamento sono stati obbligati dalla sicurezza a passare i test del metal detector e poi tutti le loro carpette, valigie e borse sono state passate ai raggi x per individuarne il contenuto.
Ora invece la stragrande maggioranza dei dipendenti del Parlamento di Canberra non è monitorata, mentre i giornalisti, i diplomatici ed alcuni imprenditori sono tra le minoranze a più alto rischio, infatti queste vengono sottoposte a dei controlli continui da parte della sicurezza
Presidente del Senato John Hogg ha detto il calo dei controlli è essenzialmente dovuto ad una serie di tagli operati dal governo australiano

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.