Sergente dell’Aeronautica morto dopo lancio con il paracadute

By | 28 novembre 2017

Il sergente dell’Aeronautica Mirko Rossi, 41 anni, attivo nel 17esimo Stormo, è morto durante un lancio col paracadute presso l’aviosuperficie militare di Guidonia, in provincia di Roma. Il dramma è avvenuto nel pomeriggio durante un’attività addestrativa di lancio con paracadute pre-pianificata. Il sergente è stato immediatamente soccorso dai medici della base e poi trasportato all’ospedale ‘Gemelli’ di Roma, dove è spirato. L’Aeronautica militare ha avviato gli accertamenti per chiarire la vicenda e scoprire il motivo della caduta del sottufficiale.

Il cordoglio della ministra Pinotti

Il sergente maggiore Rossi si è lanciato col paracadute, come probabilmente aveva fatto altre volte, ma stavolta qualcosa non è andato per il verso giusto. Che cosa? Lo dovranno accertare gli investigatori.

La ministra della Difesa Pinotti, non appena ha appreso la triste notizia, ha espresso le sue più sentite condoglianze ai familiari del sergente e al Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica. Ha espresso le sue condoglianze alla famiglia del sottufficiale anche Claudio Graziano, Capo di Stato Maggiore della Difesa.

Il generale ha affermato che in questo momento di dolore si stringe ai familiari del sergente morto nel pomeriggio a Guidonia, dopo il lancio con il paracadute.

Sergente si è schiantato al suolo

Naturalmente, sono arrivate anche le condoglianze del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, che ‘esprime vicinanza e profondo cordoglio ai familiari e alle persone più care del sergente maggiore Mirko Rossi’.

Il forte impatto con il suolo non ha lasciato scampo al sottufficiale Rossi. Questo era in forza al 17esimo Stormo incursori, che ha il suo quartier generale a Furbara, frazione di Cerveteri (Roma).

Il paracadute non ha funzionato

Il sergente Rossi si era recato a Guidonia per ‘un’attività addestrativa di lancio con paracadute pre-pianificata’. Il paracadute si è inceppato per motivi adesso ignoti e il 41enne si è schiantato al suolo. Una morte terribile.

Tante persone stanno porgendo, in queste ore, le condoglianze ai parenti del sottufficiale 41enne. L’Aeronautica sta intanto cercando di scoprire il motivo per cui quel paracadute non ha funzionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *