Si arrampicano sulla facciata della Cattedrale per un selfie e danneggiano scultura

By | 5 febbraio 2018

Genova-danni-cattedrale-selfieGesto insensato. Non ci sono altri termini per definire l’azione di alcuni incivili che si sono arrampicati sulla facciata della Cattedrale di San Lorenzo, a Genova, per scattarsi un selfie. Uno di essi si è aggrappato a un bassorilievo del XIII secolo, provocando la frantumazione di una mano e della testa di un Re Magio. Adesso i carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio culturale stanno svolgendo gli accertamenti per identificare gli autori del gesto vandalico. Le prime ad accorgersi dello scempio sono state alcune guide turistiche, in occasione di un tour del capoluogo ligure. Immediatamente è stata sporta la denuncia alla Sovrintendenza e alle Belle Arti. I carabinieri, poi, hanno avviato le indagini.

loading...

Scultura del 1225

Danni alla Cattedrale di San Lorenzo, a Genova. Qualcuno si è arrampicato sul portale e ha lesionato una scultura del 1225. Testa e mano del Re Magio sono state divelte. La notizia è stata prontamente riportata da numerosi tabloid locali, Secolo XIX in primis.

La smania di un selfie può causare danni, anche ingenti. C’è chi, per un autoscatto, ha addirittura perso la vita; chi è rimasto ferito e chi fa danni. Non si conosce ancora chi, ultimamente, ha avuto l’insana idea di ‘scalare’ la facciata della Cattedrale genovese ma è certo che l’azione è stata dannosa.

Papa Gelasio II la consacrò a San Lorenzo

Fondamentali per risalire ai vandali saranno i filmati riprese dalle telecamere di videosorveglianza poste nelle vicinanze dell’importante basilica.

La cattedrale di San Lorenzo è il maggiore luogo di culto cattolico di Genova. Fu Papa Gelasio II, nel 118, a consacrarla a San Lorenzo. All’epoca la facciata doveva essere ancora ultimata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *